rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità

Violenza sulle donne: a Pescara due appartamenti per chi sceglie di ricominciare

Alla vigilia dell'8 marzo l'assessore comunale Sulpizio ribadisce l'impegno dell'amministazione contro il fenomeno e annuncia l'ultima iniziativa promossa con l'Asp e l'associazione Ananke

Due appartamenti “di transito” per le donne vittime di violenza siano esse sole con figli. E' solo l'ultima iniziativa promossa dall'amministrazione insieme all'Asp (Azienda per i servizi alla persona) di Pescara e l'associazione Ananake per supportare chi trova il coraggio di ricominciare. Lo sottolinea l'assessore comunale alle politiche sociali Adelchi Sulpizio alla vigila dell'8 marzo, giorno della festa della donna, sottolineando l'impegno assunto dal Comune perché si affermi il principio lanciato sin dall'insediamento sotto l'hashtag #365giorninoallaviolenza. “Riuscire a consegnare ulteriori due alloggi sicuri è un segnale sempre più forte della comunità cittadina e dell'amministrazione di rifiutare fermamente ogni tipo di violenza nei confronti delle donne – sottolinea Sulpizio -. L’operato dei servizi sociali e del centro antiviolenza Ananke si è posto quotidianamente in ascolto delle donne vittime di violenza, che richiedono soprattutto protezione e luoghi sicuri e tranquilli dove poter progettare e realizzare una nuova vita del tutto autonoma. L’obiettivo sarà poter accogliere sempre più donne e contrastare in modo deciso questo fenomeno”.

Gli appartamenti di cui parla sono riservati a donne che si autosostengono economicamente per spese di vita quotidiana hanno il tempo utile per avviare una ricerca abitativa o consolidare la propria autonomia lavorativa. Nello specifico la progettualità, deliberata dalla giunta comunale il 3 marzo 2022, prevede che le donne individuate possano abitare per un periodo massimo di tempo di 12 mesi nei due appartamenti i cui costi, per locazione e consumi, saranno sostenuti dal Comune di Pescara. Ogni giorno, ricorda ancora l'assessore, bisogna ribadire che la violenza e i maltrattamenti sono reati e violazioni dei diritti delle donne riconosciuti sia dall’Ordinamento italiano che internazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sulle donne: a Pescara due appartamenti per chi sceglie di ricominciare

IlPescara è in caricamento