Attualità

Nel 2020 morti 1238 abruzzesi per il Covid: a Pescara e provincia 352 le vittime della pandemia

I dati sono stati forniti dal Cresa che ha analizzato l'impatto sul fronte dei decessi della pandemia nel 2020

In Abruzzo la pandemia, nel 2020, ha provocato 1238 decessi, corrispondenti al 7,6% del totale. Si tratta del valore più elevato fra le regioni del Mezzogiorno. Lo ha fatto sapere il Cresa che ha presentato lo studio demografico che mostra l'impatto importante che anche nella nostra regione ha avuto il Covid.

Nel 2020 l'Abruzzo ha registrato 16.300 decessi, 1.700 in più rispetto all'anno precedente con un incremento dell'11,5% rispetto al 2019.

A Pescara sono stati 352 i morti da Covid, mentre a L'Aquila 349 con una percentuale superiore al 9%. Chieti si attesta su 270 decessi e Teramo 267 con percentuali inferiori pari al 5,6 e 7,1%. Come riposta Ansa, sul fronte delle nascite invece a Pescara sono state 2.127 con un calo del 18,9% rispetto all'anno precedente e pari alò 25,9% del totale regionale. Chieti ha visto il calo più pesante, con 2.289 nai, il 56,1% in meno rispetto al 2019. Teramo 1.942 (-46,3% su base annua) pari al 23,6% dei nati in Abruzzo e L'Aquila 1.869, in lieve decremento rispetto al 2019 (-4,3%) (22,7% dell'Abruzzo).

   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 2020 morti 1238 abruzzesi per il Covid: a Pescara e provincia 352 le vittime della pandemia

IlPescara è in caricamento