menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Simone Pavone

Simone Pavone

Una canzone "Normale" per una ragazza speciale, l'iniziativa benefica di Pavone

I proventi del brano verranno destinati interamente ai progetti di "Una speranza per Stefania", con sede a Volpiano, in provincia di Torino. La canzone è in vendita su GooglePlay, iTunes e su tutti gli store digitali a 0,99 €

Una canzone "Normale" per una ragazza speciale. Ponte di solidarietà tra l'Abruzzo e il Piemonte. I proventi del brano "Normale" di Simone Pavone, musicista abruzzese e direttore del Centro Studi Musicali L'Assolo, verranno destinati interamente ai progetti di "Una speranza per Stefania", con sede a Volpiano, in provincia di Torino. La canzone è in vendita su GooglePlay, iTunes e su tutti gli store digitali al costo di 0,99 €. L'iniziativa avrà una durata limitata.

Pavone ha conosciuto Stefy durante un Campus dell'Airett, l'associazione che si occupa di tutelare le bambine ed i genitori costretti a convivere con questa sindrome per cui Pavone ha scritto "Occhi che cantano" pubblicata nel 2016, divenuta una sorta di inno dell'associazione. Stefania ha 17 anni ed è affetta dalla Sindrome di Rett, una patologia degenerativa neuromotoria che colpisce le soprattutto le bambine. Non hanno modo di comunicare, se non tramite la dolcezza del loro sguardo: per questo, spesso, sono bellissime e sono dette «le bambine dagli occhi belli».

Ed è vero: anche di Stefania colpisce lo sguardo, occhi profondissimi e neri. Da quando ha circa 9 mesi, è iniziata una regressione e sono cominciate le crisi epilettiche. Ora pian piano sta perdendo la capacità di camminare e nei mesi scorsi, con il blocco dei controlli medici, della fisioterapia, della scuola e del centro diurno – a causa dell’emergenza Covid – la situazione è diventata ancora più difficile. La mamma, Rosa, si è sempre data da fare. Nonostante sia lei a occuparsi di Stefania e Noemi, non si è mai persa d’animo, ha sempre cercato di lavorare e di garantire alle figlie una casa.

Ma a causa della chiusura delle scuole, ha perso il lavoro e non sa più come fare a far quadrare tutto, perché le esigenze di fisioterapia rimangono continue.. E prosegue: «La pagina “Una speranza per Stefania” nasce da questa mia condizione personale e emotiva, per provare a garantire a Stefania ciò di cui ha bisogno. Tra le iniziative più recenti, da registrare la produzione e relativa vendita di bellissime magliette ed altri gadgets la cui grafica ritrae il personaggio di “SuperStefy”. Acquistabili contattando la pagina Facebook "Una speranza per Stefania".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Giardino

    Coltivare una lattuga dai suoi scarti: ecco come fare

  • Arredare

    Divano: come scegliere quello giusto senza errori

  • Arredare

    Bagno cieco: cosa serve per renderlo efficiente

Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento