Animali

Over 65 e la campagna di adozione contro la depressione

La campagna di solidarietà per gli over 65. Di cosa si tratta e quali sono gli obiettivi.

L'iniziativa è sostenuta da diverse organizzazioni: Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici), ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani), FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), SIIA (Società Italiana Ipertensione Arteriosa), AID (Associazione Italiana per la Difesa degli Interessi dei Diabetici), Vitattiva e ASI (Associazione Sportiva Italiana).

Per gli anziani meno autosufficienti, la compagnia di un animale domestico può fare la differenza," afferma l'On. Alessandra Locatelli, Ministro per le disabilità. "Spesso, l'età avanzata porta con sé limiti fisici che un animale domestico può aiutare a superare, come accade con i cani guida per le persone non vedenti. Gli animali domestici migliorano le possibilità di relazione con il mondo esterno, assistono nelle attività quotidiane e domestiche, e riducono la solitudine. È importante considerare seriamente l'adozione di un animale domestico, con il supporto dei familiari."

La campagna Adozione contro la depressione prevede la distribuzione di locandine nei centri per anziani, incoraggiando anche familiari e caregiver a considerare questa opzione. Sul sito di Senior Italia, ASI e Vitattiva, è disponibile un elenco di canili e gattili a cui rivolgersi. L'obiettivo è raggiungere 10.000 adozioni di animali domestici in sei mesi, da ottobre a marzo.

Maltrattamento genetico degli animali: cos’è e quali sono le conseguenze

Adozione contro la depressione: la campagna adozioni per gli over 65

In Italia ci sono 14,5 milioni di persone con più di 65 anni. Tra questi, il 20% è affetto da diabete e il 54% da ipertensione. Molti soffrono di depressione, spesso aggravata dalla solitudine. Per migliorare la situazione, è fondamentale aumentare l'attività fisica. I dati 2020-2021 del sistema di sorveglianza PASSI d'argento mostrano che il 42% degli over 65 è sedentario, una percentuale che sale al 67% tra gli over 85. Le donne fanno ancora meno attività fisica rispetto agli uomini. Camminare è l'esercizio più raccomandato per gli anziani e portare a spasso il cane o occuparsi del proprio gatto può essere molto benefico.

"La prevenzione primaria delle malattie, inclusi i tumori, passa attraverso stili di vita sani." aggiunge mons. Vincenzo Paglia, Presidente dell'Accademia Pontificia per la Vita e Presidente onorario di Senior FederAnziani.

"Alimentarsi correttamente e fare attività fisica riduce del 40% il rischio di sviluppare neoplasie, ed è particolarmente importante per chi soffre di diabete e ipertensione, condizioni comuni tra gli anziani. Un po' di esercizio quotidiano migliora la pressione sanguigna, riduce il colesterolo, e ha effetti positivi su ansia e stress. Portare fuori un cane per le passeggiate quotidiane non solo aiuta a mantenersi in salute, ma favorisce anche la socializzazione, il benessere emotivo e combatte il rischio di depressione."

L'attività fisica è cruciale anche per gli anziani diabetici poiché aiuta a ridurre il peso corporeo e la glicemia, abbassa la pressione sanguigna e aumenta il colesterolo 'buono'. Camminare 30 minuti al giorno può migliorare significativamente la salute; una passeggiata al parco, ad esempio, è l'attività ideale.

Furto di animali: cosa prevede la legge

Perché è importante la pet therapy per gli anziani?

La pet therapy è importante per gli anziani per diverse ragioni:

  • Riduzione della solitudine: gli animali domestici offrono compagnia e affetto, aiutando a contrastare la solitudine e l'isolamento sociale, che sono comuni tra gli anziani.
  • Supporto emotivo: la presenza di un animale può migliorare l'umore e ridurre i livelli di stress e ansia, contribuendo al benessere emotivo.
  • Promozione dell'attività fisica: prendersi cura di un animale, come portare a spasso un cane, incoraggia l'attività fisica, essenziale per mantenere una buona salute fisica.
  • Stimolo mentale: interagire con gli animali può stimolare le funzioni cognitive e migliorare la memoria, aiutando a mantenere la mente attiva.
  • Senso di responsabilità e scopo: avere un animale da accudire può dare agli anziani un senso di responsabilità e uno scopo, migliorando la loro autostima e motivazione.
  • Miglioramento delle relazioni sociali: gli animali possono facilitare l'interazione sociale, ad esempio durante le passeggiate al parco, favorendo nuove amicizie e relazioni.
  • Benefici fisici: la pet therapy può contribuire a migliorare la pressione sanguigna, ridurre il colesterolo e migliorare la salute cardiaca.

Articolo originale su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Over 65 e la campagna di adozione contro la depressione
IlPescara è in caricamento