Venerdì, 19 Luglio 2024
Animali

Contro i botti di Natale e Capodanno: l’associazione Confido in difesa degli animali

Una tempestiva ordinanza di divieto di botti e petardi e controlli intensificati

Anche se al Natale manca ancora qualche settimana, alcune zone di Pescara sono diventate aeree in cui si è soliti utilizzare i giochi pirici. Gli spari, che interessano il centro cittadino, la riviera e la strada parco, mettono a rischio numerosi animali. Sono, infatti, causa di morte, ferimenti e traumi per cani, gatti, animali domestici e uccelli.

A farlo presente è l’associazione Confido, che quest’anno auspica un intervento tempestivo da parte delle autorità, soprattutto alla luce di quanto accaduto lo scorso anno. L’11 dicembre 2020 il Comune di Pescara pubblicava l’avviso per l’autorizzazione alla vendita giochi pirici per il capodanno e il 28 di dicembre 2020 invece ancora nessuna ordinanza che vietava di sparare.

Una città sostenibile e civile, ribadisce Confido, dovrebbe vietare sempre l’accensione di polveri, liquidi infiammabili, fuochi, mortaretti, petardi e simili nelle strade, giardini pubblici, zone boschive o in qualsiasi luogo pubblico.

L’associazione Confido richiede, dunque, una tempestiva ordinanza di divieto di botti e petardi, e controlli intensificati.

I cittadini non dovrebbero essere costretti a chiamare ripetutamente le forze dell’ordine che la maggior parte delle volte non riescono ad intervenire.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro i botti di Natale e Capodanno: l’associazione Confido in difesa degli animali
IlPescara è in caricamento