Pescara-Catania 1-0 | Sansovini goal, il sindaco è tornato

La gara si conclude con una vittoria di misura per il Delfino propiziata proprio dal "sindaco", che adesso i tifosi biancazzurri vorrebbero nuovamente capitano della squadra

Oggi era sicuramente il più atteso tra tutti gli ex della partita, ma alla fine ha offerto una prestazione incolore lasciando la scena a chi, nel mercato di gennaio, l'aveva sostituito. Stiamo parlando di Riccardo Maniero e, soprattutto, di Marco Sansovini. Pescara-Catania si conclude con una vittoria di misura per il Delfino propiziata proprio dal "sindaco", che adesso i tifosi biancazzurri vorrebbero nuovamente capitano della squadra. SuperPippo, dal canto suo, resta a guardare e riprende mestamente la via della Sicilia con tre punti in meno.

IL MATCH - Gara durissima per i padroni di casa, in dieci per più di un tempo a causa dell’espulsione di Pasquato (doppio giallo per proteste) al 42′. I ragazzi di Baroni hanno giocato meglio nella ripresa, senza mai rinunciare a provare a vincere la partita. E alla fine ci sono riusciti. Al 22′ Belmonte interviene su Pasquato in area, ma l’arbitro non concede il rigore nonostante le vibranti proteste dei biancazzurri.

Al 65′ Bjarnason, pescato sotto porta da Melchiorri, prende clamorosamente il palo. Al 75' ecco l'episodio che determinerà la svolta del match: Sansovini entra in campo al posto di Melchiorri. Sarà lui che in pieno recupero, per la precisione al 93', sbloccherà il risultato con uno straordinario missile di sinistro dai 30 metri. E' il primo sigillo che Marco mette a segno da quando è tornato a casa.

SANSOVINI SEMPRE PIU' SINDACO - A fine partita è proprio il sindaco a parlare: “Oggi abbiamo sofferto: abbiamo incontrato una squadra forte, ma d’altronde i giocatori del Catania li conosciamo tutti. Noi, nonostante fossimo in dieci, e quindi in grande difficoltà, abbiamo retto. Se quando la palla è entrata ci credevo? Sì e no. Ho provato sensazioni indescrivibili. L’affetto dei tifosi del Pescara mi riempie d’orgoglio ogni volta, ma non ambisco assolutamente a fare il capitano: io sono solo 1/27 della rosa del Pescara. Non sto contando i miei goal, l’importante adesso è pensare ai punti che deve fare la squadra. Dedico comunque questa rete a mio suocero, che domani festeggerà il compleanno”.

PESCARA (4-4-2): Fiorillo; Zampano, Salamon, Zuparic, Rossi; Politano (31′ st Gessa), Selasi (37′ st Brugman), Memushaj, Bjarnason; Pasquato, Melchiorri (30′ st Sansovini). A disposizione: Aldegani, Boldor, Caprari, Luciano Andres, Pettinari, Paolucci. Allenatore: Marco Baroni.

CATANIA (4-3-1-2): Gillet; Belmonte, Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta; Sciaudone (9′ st Castro), Rinaudo, Coppola; Rosina; Calaiò (40′ st Barisic), Maniero (23′ st Martinho). A disposizione: Terracciano, Escalante Gonzalo, Sauro, Chrapek, Capuano, Odjer. Allenatore: Dario Marcolin.

Arbitro: Pairetto di Nichelino

Assistenti: Segna di Schio e Marinelli di Jesi

IV° Ufficiale: Ripa di Nocera Inferiore

Reti: 93' Sansovini

Ammoniti: Selasi, Pasquato, Politano, Maniero, Memushaj

Espulsi: Pasquato al 42′ per proteste

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 6 minuti nella ripresa.

Potrebbe interessarti

  • Vacanze in vista? Come richiedere il passaporto e dove rinnovarlo

  • Le 5 paninoteche di Pescara da provare assolutamente

  • Case vacanza, ecco gli 8 consigli della Polizia Postale di Pescara per evitare truffe

  • Problema formiche? Ecco come allontanarle con rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Uomo ritrovato morto a Pescara in un capannone abbandonato

  • Cerca di separare i genitori che litigano ma spinge il padre che cade e muore

  • Allarme bomba in pieno centro a Pescara, chiuso corso Vittorio Emanuele II

  • Silvi, schianto sulla statale 16: morto un centauro

  • Pescara, rapina violenta alla Gls: due arresti, uno è un dipendente della ditta di spedizioni

  • Fiori d'arancio per Massimo Oddo, l'ex allenatore del Pescara si è sposato

Torna su
IlPescara è in caricamento