Coronavirus: truffe, false richieste e i consigli della Croce Rossa Italiana

In queste ultime ore sono state ricevute da alcune persone telefonate di presunti operatori per effettuare gratuitamente i tamponi Coronavirus

Gli allarmismi sul Coronavirus hanno generato un potente giro di truffe e false richieste. In queste ultime ore sono state ricevute da alcune persone telefonate di presunti operatori per effettuare gratuitamente i tamponi Coronavirus.

In alcuni casi, gli operatori sembrano essersi presentati alla porta delle possibili vittime. I più colpiti dagli “sciacalli” sono stati gli anziani, molti dei quali hanno già segnalato l’anomalia agli enti di competenza.

Coronavirus: 118 preso d'assalto

A tal proposito, interviene la il Comitato della Croce Rossa Italiana di Cepagatti:

Attenzione. Diversi comitati Cri segnalano una #truffa telefonica su finti #volontari della #CroceRossa che propongono test domiciliari sul #coronavìrus. Vi informiamo che non è stato disposto alcun tipo di #screening porta a porta e invitiamo tutti a fare attenzione e segnalare eventuali casi sospetti alle #autorità competenti. Per informazioni e chiarimenti, il nostro servizio #cri per le persone 800-065510 è attivo h24.

La Cri comunica, inoltre, cosa fare in caso di sospetto, ovvero non recarsi in pronto soccorso, ospedale, dalla guardia medica o nello studio del medico di famiglia, ma chiamare i numeri telefonici predisposti per l’emergenza, attivi in tutte e quattro le province:

  • Asl Pescara: 3336162872 e 118;
  • Asl Lanciano-Vasto-Chieti: 800860146;
  • Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila: 118;
  • Asl Teramo: 800090147.

Coronavirus: i 10 consigli della Croce Rossa Italiana

Di seguito i 10 consigli da seguire alla lettera per contrastare e prevenire il contagio Coronavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

coronavirus cri-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • Coronavirus: morto a Pescara Nicola Marcantonio, proprietario del castello di Cepagatti

  • Lutto per l'Acqua&Sapone di calcio a 5: morto lo storico sponsor Antonello Bianco

  • Coronavirus, morto 58enne pescarese Antonello Bianco: il ricordo del sindaco Masci

  • Partorire al tempo del Coronavirus, ecco l'esperienza della neo mamma Federica Fusco

  • Coronavirus, Parruti ottimista: "A Pescara l'86% dei pazienti trattati con tocilizumab ha avuto un rapido miglioramento"

Torna su
IlPescara è in caricamento