Via Verrino diventa una Ztl, l'attacco di Blasioli: "Il Comune asseconda il capriccio di qualcuno"

L'ex vicesindaco e consigliere regionale interviene in merito alla decisione del Comune di proseguire i lavori voluti dall'amministrazione Alessandrini, istituendo però nel frattempo una sorta di Ztl

Una storia infinita e travagliata che sembra destinata a proseguire senza dare una soluzione definitiva ai residenti quella di via Verrino, a Rancitelli. Il consigliere regionale ed ex vicesindaco Blasioli interviene in merito alla decisione del Comune che ha richiuso al traffico la strada proseguendo però i lavori voluti ed appalatati dall'amministrazione Alessandrini.

VIA VERRINO, PARTE LA RIQUALIFICAZIONE

Blasioli infatti fa sapere che una recente delibera di giunta Masci:

Il 5 settembre sull’Albo pretorio comunale è stato infatti pubblicato l’avviso di esecuzione del decreto di occupazione d’urgenza preordinato all’esproprio ex art. 22 bis DPR 327/2001, che fa seguito alla determina dirigenziale n. 1649 del 2 settembre 2019 e che fissa l’immissione in possesso per il giorno 3 ottobre 2019 ed in prosecuzione per il giorno 9 ottobre, ma se questo atto del procedimento di esproprio dà la certezza che non ci sono ricorsi da parte dei proprietari, ed è quindi propedeutico all’espletamento della gara per l’affidamento dei lavori, che a questo punto potrebbero partire già a dicembre/gennaio.

In realtà, aggiunge Blasoli, la giunta Masci ha anche approvato una delibera che istituisce una Ztl e di fatto chiude via Verrino per motivi riguardanti alcune istanze verbali di cui però non sembra esserci traccia scritta o ufficiale:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma si decide di andare avanti con i lavori progettati dall’amministrazione Alessandrini ma, contemporaneamente, di chiudere (anche se pare solo momentaneamente) la strada. Questa decisione ha tutta l’aria di essere una promessa elettorale che determinerà più spese a carico della collettività e una soddisfazione veramente flash per chi ha avanzato questo capriccio, che non trova appigli, né alcuna giustificazione nel codice della strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento