Terme di Caramanico, Paolucci e Mazzocca: "Il centrodestra avvia gli interventi dell'ex giunta D'Alfonso"

I consiglieri del partito democratico intervengono nuovamente sulla questione delle terme di Caramanico

Oltre 65 giorni di tempo perso per salvare le terme di Caramanico e riorganizzare e potenziare l'intero sistema termale abruzzese, con la possibilità che ora venga attuato quanto previsto dal piano dell'ex giunta D'Alfonso. Tornano all'attacco i consiglieri regionali del Pd Mazzocca e Paolucci sulla questione delle terme di Caramanico, che criticano la giunta Marsilio per non aver ancora proposto soluzioni concrete:

Dalle notizie provenienti dal Tavolo regionalesembrerebbe che dei timidi vagiti siano finalmente usciti. Pare, infatti, che il percorso che questa Regione si avvierebbe (ancora troppo lentamente) ad intraprendere, sarebbe quella del solco all’epoca tracciato (e finanziato!) dallo scorso Governo regionale, nonostante il parere diametralmente opposto formulato dalla maggioranza di governo qualche giorno fa, allorquando in V Commissione, con la complice astensione dei 5Stelle, formulò un NO chiaro e netto agli interventi istituzionali necessari per superare la crisi delle Terme di Caramanico ed avviare una fase nuova con la valorizzazione del termalismo abruzzese. E ci sono voluti sei mesi ! Vediamo quanti ce ne vorranno ancora per passare dalle parole ai fatti

Paolucci chiede che gli amministratori regionali smettano di litigare e temporeggiare ed affrontino finalmente la delicata questione del sistema termale abruzzese, agendo sui 900 mila euro già stanziati dalla precedente giunta oltre al mezzo milione di euro per completare le piscine termali comunali:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dimostrino, una volta per tutte, che quel "Se vinciamo ci pensiamo noi alle terme" non era la solita promessa da marinaio da campagna elettorale. Lo devono agli operatori termali, ai lavoratori e alle imprese dell’indotto, a quelle famiglie sempre più preoccupate per la situazione di stallo che hanno creato. Lo devono ad un’intera comunità territoriale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Porta Nuova: giovane si suicida nella sua abitazione

  • Uomo di Montesilvano si lancia dal viadotto Cerrano e muore dopo volo di 90 metri, tragedia in autostrada

  • Scontro frontale auto-scooterone: tre feriti, due sono gravi [FOTO]

  • Incidente sull'asse attrezzato Chieti-Pescara: scontro tra veicoli, due feriti

  • Poliziotto aggredito a calci e pugni mentre effettuava un controllo sulla strada parco

  • Fa il bagno con la mascherina e rischia di morire soffocato: paura sul lungomare nord di Pescara

Torna su
IlPescara è in caricamento