La Regione metterà in sicurezza la strada che porta all’Abbazia di San Liberatore a Maiella a Serramonacesca

Il consiglio regionale ha infatti approvato all'unanimità una risoluzione presentata dal consigliere Antonio Blasioli del Pd

La Regione Abruzzo si occuperà dei lavori di messa in sicurezza della strada che porta all'Abbazia di San Liberatore a Maiella a Serramonacesca
Il consiglio regionale ha infatti approvato all'unanimità una risoluzione presentata dal consigliere Antonio Blasioli del Pd.

Da diversi mesi, ormai, la piccola strada che conduce all’Abbazia di San Liberatore a Maiella, uno dei più antichi monasteri dell'Abruzzo e meta turistica di rilievo della Val Pescara, assieme alla Chiesa del Volto Santo di Manoppello, è di fatto difficilmente praticabile, dato che la carreggiata è interessata da una frana significativa e profonda. Questa chiesa è l’esempio più importante dell’arte romanica in Abruzzo, datata anno 1007 e alle dirette dipendenze di Montecassino. Per la sua bianca maestosità, stagliata in un patrimonio di verde suggestivo, è uno degli angoli più belli del nostro Abruzzo.

Questo quanto afferma Blasioli:

“La risoluzione, in realtà, è del 10 settembre scorso. Presentata per chiedere un intervento prima che la stagione invernale contribuisse a peggiorare la situazione, è stata discussa, nel pieno della stagione invernale. Io credo che in attesa di una strategia che sappia davvero valorizzare e rendere attrattiva, per il nostro turismo, la straordinaria dote di patrimonio religioso abruzzese, il minimo che come istituzioni si possa fare sia di aiutare un piccolo Comune a sistemare una strada, l’unica peraltro, di accesso a San Liberatore a Maiella. Con quest’atto ho chiesto al Consiglio di garantirmi l’impegno a reperire fondi (regionali o provinciali) per la messa in sicurezza della strada che dal centro del Comune di Serramonacesca porta all’Abbazia di San Liberatore a Maiella. Da una stima del Comune, la cifra necessaria alla messa in sicurezza della frana dovrebbe aggirarsi intorno ai 50mila euro. Preciso che la strada in questione è l’unica strada di accesso all’Abbazia, divenuta monumento nazionale dal 1902, che non ha solo una storia importante alle spalle, ma anche un futuro, poiché sono tantissime le coppie di innamorati che la scelgono, e la vorrebbero scegliere, come luogo dove celebrare le proprie nozze ed è un’attrazione turistica-religiosa fra le più apprezzate del nostro territorio, con il Volto Santo di Manoppello. Il rischio crollo, però, specie nelle giornate di pioggia, è alto e ciò potrebbe determinare il cedimento dell’intera strada, di fatto rendendo impossibile raggiungere l’Abbazia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente l’arteria, a doppio senso di circolazione, è fortemente ridimensionata e si transita con senso unico alternato ed è del tutto assente qualsiasi muro di contenimento e sostegno. Le finanze del Comune di Serramonacesca, piccolo Comune montano, non consentono però l’esecuzione di questi lavori e così, su stimolo dell’amministrazione comunale di Serramonacesca, ho avuto modo di interloquire con Anas e poi di fatto verificare la partenza dei lavori sulla SR 539.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento