Spoltore, il PDL sul primo consiglio comunale di Di Lorito

Pubblichiamo il comunicato stampa del Pdl riguardnate l'ultima seduta del consiglio comunale che si è svolta a Spoltore

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPescara

LE RIFORME A SPOLTORE LE FA L’OPPOSIZIONE

21/06/2012. A Spoltore, dopo il primo consiglio comunale di insediamento, si è svolto il primo “vero”
consiglio comunale durante il quale sono state prese le prime decisioni operative. Passate in rapida
successione le nomine alle varie commissioni consiliari, arriva il momento della discussione di un punto
importante, inerente gli indirizzi per la nomina, la designazione e la revoca dei rappresentanti comunali
presso gli enti – aziende e istituzioni.

Il Pdl, subito protagonista, attraverso 10 emendamenti presentati dal capogruppo del PDL, Avv. Marina
Febo, che sostanzialmente sopprimono la proposta iniziale di delibera e la riscrivono integralmente.
Gli emendamenti introducono una serie di regole precise e rigorose sui requisiti di competenza che i
rappresentanti devono possedere, sulle procedure trasparenti di nomina e designazione improntate alla
più ampia accessibilità e conoscibilità da parte dei cittadini e sui meccanismi di controllo democratico
da parte dei vari organismi comunali.

Gli emendamenti proposti stravolgono così tanto e positivamente la proposta iniziale di delibera - che
lasciava ampio spazio ad una scelta discrezionale quasi arbitraria da parte del Sindaco dei rappresentanti
comunali presso enti, aziende e istituzioni – che la maggioranza va in debito d’ossigeno e prende
tempo. Al rientro dalla pausa vengono proposte solo piccole integrazioni che contribuiscono a
rafforzare la linea dettata dalla Febo.

Il Pdl porta a casa la prima importante vittoria in consiglio comunale ricevendo l’unanimità dei voti.

“Sono molto soddisfatta di questo risultato - dichiara la Febo - e di aver contribuito in maniera
significativa a rendere una delibera così delicata, quelle sulle nomine, più adatta ai nostri obiettivi
politici che sono la trasparenza, la conoscibilità da parte dei cittadini degli incarichi da affidare, il rigore
nel rispetto delle procedure e soprattutto il merito e la valorizzazione delle migliori competenze dei
cittadini di Spoltore. Con questa delibera sarà più difficile utilizzare impropriamente lo strumento delle
nomine per accontentare amici e parenti, come spesso accade”.

Se il buon giorno si vede dal mattino, possiamo essere certi che questa è solo la prima di una lunga serie
di vittorie che l’opposizione avrà a Spoltore.

Gruppo Consiliare del Popolo della Libertà (PDL)

Comune di Spoltore

Torna su
IlPescara è in caricamento