Sistema sanitario abruzzese impreparato in caso di epidemie? Il consigliere Taglieri attacca la Regione

Il consigliere del M5s attacca l'assessore regionale in merito alla gestione dei potenziali rischi per il coronavirus

Un sistema sanitario regionale con evidenti carenze strutturali, che non può mettersi in moto solo quando ci sono potenziali emergenze ed epidemie come il coronavirus che finiscono sulle prime pagine dei giornali. Duro attacco del consigliere regionale e vicepresidente della commissione sanità Taglieri, del M5s, che commenta la replica dell'assessore Verì sul tema del coronavirus.

CORONAVIRUS, LA ASL FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Secondo il consigliere pentastellato, ci sono problematiche costanti e quotidiane che l'assessore non può ignorare e che dovrebbe analizzare andando sul campo, nei reparti, ascoltando personale sanitario e pazienti per dare risposte certe, soprattutto qualora ci fossero reali emergenze sanitarie:

Ci sono reparti dove, fino a qualche giorno fa, gli operatori sanitari delle aziende ospedaliere non avevano nemmeno le mascherine protettive. Non solo, ma vorrei invitare l'Assessore anche a verificare direttamente se ci sia la possibilità reale di creare corridoi o aree di isolamento all'interno delle strutture in caso di rischio contagio

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La verità è che manca un'organizzazione chiara, che sia funzionale prima della presenza di potenziali emergenze, come il coronavirus, e che sia operativa anche quando non ci sono epidemie o pandemie che occupano spazio su giornali, telegiornali e social network. Una corretta formazione degli operatori sanitari e un’informazione trasparente ai cittadini è un dovere dell'istituzione regionale, e non è più accettabile intervenire con questo ritardo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • Coronavirus: morto a Pescara Nicola Marcantonio, proprietario del castello di Cepagatti

  • Lutto per l'Acqua&Sapone di calcio a 5: morto lo storico sponsor Antonello Bianco

  • Coronavirus, morto 58enne pescarese Antonello Bianco: il ricordo del sindaco Masci

  • Partorire al tempo del Coronavirus, ecco l'esperienza della neo mamma Federica Fusco

  • Coronavirus, Parruti ottimista: "A Pescara l'86% dei pazienti trattati con tocilizumab ha avuto un rapido miglioramento"

Torna su
IlPescara è in caricamento