"Pescara città pericolosa e fuori controllo", l'appello di Pettinari (M5s)

Pettinari interviene dopo l'ennesimo episodio di violenza che ha visto vittime un gruppo di giovani sul lungofiume nord

"Pescara è una città pericolosa e fuori controllo". A dirlo è il vice presidente del consiglio regionale, Domenico Pettinari del Movimento 5 Stelle.
Pettinari interviene dopo l'ennesimo episodio di violenza che ha visto vittime un gruppo di giovani sul lungofiume nord.

Un ragazzo di soli 22 anni, dopo il pestaggio è stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Neurochirurgia. 

«Chi continua a nascondere la realtà dicendo che Pescara è una città tranquilla in cui va tutto bene, fa del male ai cittadini», dice Pettinari, «non si può nascondere la polvere sotto al tappeto, chi lo fa dovrebbe vergognarsi, tacere e iniziare ad agire».

Questo quanto aggiunge l'esponente dei 5 Stelle:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Lo andassero a raccontare alle mamme dei tanti ragazzi, picchiati brutalmente sulle vie della nostra città negli ultimi mesi, che a Pescara va tutto bene. Voglio ringraziare gli organi di stampa che raccontano la crudele quotidianità e tengono acceso un riflettore sull'emergenza sicurezza. Continuare a nascondere è un atteggiamento ipocrita e vigliacco. Ora basta! Ogni giorno ricevo decine di telefonate di cittadini che hanno paura di passeggiare di sera anche tra le vie del centro, non solo in periferia. Mi chiedono di fare qualcosa, di continuare a denunciare, di non fermarmi. I pescaresi perbene hanno paura e questo è il più grande fallimento di chi amministra la nostra città e la nostra Regione.  Qualche giorno fa, mentre passeggiavo vicino al mio ufficio, a Zanni, sono stato anche io raggiunto da un gruppetto di teppistelli, che con fare minaccioso mi hanno insultato con parole pesanti. Non è successo niente di grave solo perché ho volutamente mantenuto un comportamento non conflittuale e sono rientrato velocemente in ufficio senza rispondere alle loro provocazioni. È normale tutto questo? È normale aver paura di passeggiare? È normale dover correre per ripararsi in ufficio? No, non è normale. È una vergogna che deve finire. Le istituzioni preposte facciano presto perché il tempo è finito. Prima di ogni cosa devono riconoscere il fenomeno e devono decretare l’emergenza sicurezza poi devono intensificare i controlli, istituire unità di Polizia fisse nelle zone calde ed nelle zone della movida, facendosi assistere, dove serve, anche dall’esercito come ausilio alle forze dell’ordine. Ma per far arrivare rinforzi militari, è necessario che politica locale e le istituzioni preposte al controllo e alla sicurezza pubblica, decretino l’emergenza. Lo faranno? Quanti atti di violenza dovranno accadere prima che si decidano? Purtroppo sono pessimista perché probabilmente è difficile ammettere che la città è fuori controllo e chiedere aiuto. Per  qualcuno, potrebbe risultare un'ammissione di fallimento. Ma è questa l’unica soluzione possibile. Si agisca prima di dover piangere altri morti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Google il report sugli spostamenti degli abruzzesi durante il Coronavirus: il 37% si muove ancora per lavoro

  • All'ospedale di Pescara diagnosi in 3 minuti per le polmoniti da Covid19 grazie ad un software donato da Petruzzi

  • Torna troppo tardi a casa dallo studio, avvocato multato di 550 euro dalla Guardia di Finanza

  • Lutto per l'Acqua&Sapone di calcio a 5: morto lo storico sponsor Antonello Bianco

  • Partorire al tempo del Coronavirus, ecco l'esperienza della neo mamma Federica Fusco

  • Coronavirus, Parruti ottimista: "A Pescara l'86% dei pazienti trattati con tocilizumab ha avuto un rapido miglioramento"

Torna su
IlPescara è in caricamento