Sfratto in via Nora, Del Trecco e Sospiri: "Non solo abusivi, tolleranza zero anche con chi subaffitta alloggi popolari"

L'assessore comunale ed il presidente del consiglio regionale commentano lo sfratto avvenuto questa mattina in un alloggio popolare di via Nora

Tredici sfratti in pochi mesi di amministrazione, con un impegno costante da parte della Regione e del Comune assieme alle forze dell'ordine per riportare legalità all'interno degli alloggi popolari di Pescara. L'assessore comunale Del Trecco ed il presidente del consiglio comunale Sospiri commentano lo sfratto eseguito questa mattina in via Nora, in un alloggio che in giornata sarà già riassegnato ad una famiglia in regolare graduatoria da anni.

NUOVO SFRATTO DI ABUSIVI IN VIA NORA

Non si sono registrate criticità durante le operazioni, con il cambio di serrature e portoni in modo da poter assegnare e rendere fruibile in pochissimi giorni l'alloggio ad un'altra famiglia, questa volta regolare. L'assessore Del Trecco ha specificato che nell'alloggio vivevano minori che saranno tutelati ed assistiti e torna sull'appello lanciato dalla signora sfrattata da via Rigopiano con un figlio quindicenne:

Quel che però non è stato chiarito è che la signora, alla quale esprimiamo la nostra vicinanza umana, non è mai stata neanche residente a Pescara, ma a Spoltore, dunque, permanendo tale situazione burocratico-amministrativa che non è nostro potere modificare o sanare, non potrà neanche presentare la domanda per avere un alloggio seppur provvisorio a Pescara, domanda che impone il requisito della residenza, ma a questo punto deve necessariamente rivolgersi al Comune di riferimento al quale comunque segnaleremo anche il ‘caso’ del quindicenne al quale andrà trovata una sistemazione presso strutture idonee se la madre non fosse in grado di provvedere personalmente

Tolleranza zero inoltre anche per chi subaffitta irregolarmente alloggi popolari assegnati lecitamente, magari per un trasferimento in altra città come già scoperto in due casi grazie ai controlli fanno sapere Sospiri e la Del Trecco, e per loro scatterà la decadenza dell'assegnazione dell'alloggio:

Il primo in via Maestri del Lavoro d’Italia numero 55, il cui legittimo assegnatario risulta aver lasciato l’appartamento per trasferirsi in una casa diversa di proprietà addirittura dal febbraio 2013; nel secondo caso si tratta invece di un alloggio in via Caduti per Servizio, al civico 46, e anche in questo caso la titolare dell’alloggio risulta aver lasciato l’appartamento dal giugno 2013, cedendolo in maniera illegittima a terzi
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Coronavirus, un paziente risulta positivo al test: primo caso in Abruzzo

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus in Abruzzo, il direttore Parruti: "Non andate in pronto soccorso"

Torna su
IlPescara è in caricamento