Sfollati via lago di Borgiano, il Pd all'assessore Del Trecco: "Serve chiarezza"

La consigliera comunale del PD Catalano presente un'interrogazione urgente all'assessore Del Trecco chiedendo spiegazioni sul

Spiegare le ragioni di una delibera che di fatto crea un'enorme disparità fra gli sfollati di via Lago di Borgiano, penalizzando fortemente le 26 famiglie che hanno scelto il contributo in autonoma sistemazione. La consigliera comunale del Pd Catalano presenterà un'interrogazione all'assessore Del Trecco durante il prossimo consiglio comunale di lunedì 28 ottobre per avere spiegazioni in merito alla delibera che stabilisce nuovi criteri e regole per quelle famiglie che, dopo lo sfratto per inagibilità delle palazzine popolari nel 2017, ora rischiano di perdere il diritto alla casa popolare qualora dovessero rifiutare il primo alloggio proposto dal Comune.

Le famiglie, in particolare, non potranno quasi sicuramente avere in assegnazione gli alloggi che saranno pronti nella nuova palazzina di via Trigno:

In pratica, queste persone si vedranno applicati criteri diversi, anche se l’emergenza è la stessa e non è terminata e potrebbero ritrovarsi in tempi brevi a dover accettare per forza un alloggio reso libero dagli sfratti, in qualunque zona della città, a prescindere da quale sia la propria situazione o condizione. 

Un’imposizione improvvisa e immotivata, che neanche considera l’esborso economico a cui saranno esposte le famiglie che con il contributo di autonoma sistemazione avevano affittato una casa, perché con un’assegnazione drastica sarebbero costrette a pagare alcuni mesi di canone per l’anticipato recesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Catalano chiede all'assessore Del Trecco di affrontare la situazione con buonsenso, prima che si vengano a creare contenziosi giudiziari, assicurando tempi certi per gli alloggi di via Trigno, cercando la mediazione invece della forza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Affidamento degli eventi del Comune: arresti domiciliari per Di Pietrantonio e gli ex assessori Cuzzi e Di Carlo

Torna su
IlPescara è in caricamento