Scarichi abusivi, M5S attacca D'Alfonso: "Sapeva tutto già da un anno"

Il M5S, con il consigliere regionale Pettinari, attacca l'amministrazione comunale in merito alla questione degli scarichi abusivi nei fiumi. "La Forestale comunicò una situazione drammatica già nel febbraio 2015"

Il presidente della Regione e la Giunta erano già a conoscenza della situazione drammatica degli scarichi abusivi dei fium dal febbraio 2015, quando la Forestale consegnò il report dei controlli effettuati.

Lo ha fatto sapere il M5S con il consigliere Pettinari, che chiede ora interventi immediati ed urgenti per risolvere il problema dell'inquinamento delle acque fluviali e marine, interventi che però potevano essere eseguiti già un anno fa, scongiurando probabilmente l'emergenza avvenuta durante l'estate.

Pettinari ricorda come oltre un anno fa fu approvata una delibera dalla Giunta che impegnava il Governo Regionale ad intervenire su questo delicato problema.

"Ma dopo la delibera il silenzio, fino a qualche giorno fa, quando il risanamento delle acque si è trasformato in una sceneggiatura degna da notte degli oscar, con scene di chiusura di scarichi (che poi si è saputo essere già chiusi) e grandi promesse sempre fatte a favor di telecamera e un’autoproclamazione come “salvatore” per aver stanziato dei fondi per il risanamento delle acque, che però erano già previsti dalla precedente programmazione dei fondi europei" ha dichiarato Pettinari, aggiungendo che a Pescara nel 2015 sono stati effettuati 86 controlli con il 46,5% degli scarichi non a norma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo per Pescara e l'Abruzzo, l'avviso della Protezione Civile

  • Meteo, le previsioni per Pescara e l'Abruzzo

  • Treni sospesi tra Pescara e Ancona per un animale investito

  • Torna il maltempo e arriva il Graupeln, le previsioni

  • Morto il commercialista Vittorio Cicconi, categoria in lutto

  • Sequestrati 62 panettoni in un'industria dolciaria, titolare nei guai per tentata frode in commercio

Torna su
IlPescara è in caricamento