La proposta del vicepresidente del consiglio comunale Fiorilli: "Cabina di regia unica regionale per l'emergenza Coronavirus"

Il consigliere e vicepresidente propone l'istituzione di una task force a guida regionale per coordinare il lavoro per l'emergenza Coronavirus

Una task forca a guida regionale, una centrale unica di coordinamento per la gestione dell'emergenza Coronavirus in Abruzzo. A chiederla il consigliere comunale e vicepresidente del consiglio Berardino Fiorilli, che chiede alle istituzioni un'organizzazione nuova e centralizzata di tutto il supporto al personale sanitario abruzzese, su tutti gli ambiti: dall'approvigionamento di presidi sanitari, al coordinamento per la gestione dei ricoveri e dei posti letto:

Purtroppo in alcuni ospedali abruzzesi più piccoli solo oggi sono state installate le tende per il pre-triage, con molto ritardo esponendo inutilmente i propri operatori, mentre Pescara, ad esempio, ha installato la tenda ben prima che esplodesse l’emergenza regionale; gli stessi operatori sanitari temono di essere contagiati perché oggi, come da protocollo dell’organizzazione mondiale della sanità, i tamponi vengono eseguiti solo a chi presenta sintomi e non a chi ‘teme’ o ‘sospetta’ un contagio.

E quegli operatori sanitari vivono anche a casa in autoisolamento per paura del rischio di trasmettere un possibile virus ai propri congiunti, figli, genitori, aumentando il livello di stress. In altre parole, oggi l’Abruzzo può contare su uno straordinario esercito di operatori sanitari qualificati che sta dando l’anima e che però non sempre ha a disposizione gli strumenti adeguati per un’emergenza sanitaria che va affrontata con mezzi e strumenti eccezionali e il coordinamento della Protezione civile regionale.

TV AUSTRALIANA A PESCARA PER UN SERVIZIO SUL CORONAVIRUS

Secondo Fiorilli si tratta di un meccanismo che potrebbe andare in corto circuito, come per le associazioni di soccorso che operano sul territorio per la Asl, che non riescono ad avere mascherine per proteggersi durante il lavoro volontario e per questo occorre una cabina di regia unica, coordinata da un commissario interno sia per l'acquisto dei presidi sanitari, sia per stabilire un protocollo unico per tutti gli ospedali abruzzesi per le procedure da seguire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I gilet arancioni manifestano a Pescara: “Cacciare Conte, sì a un nuovo parlamento”

  • Recuperata auto rubata a Pescara dopo inseguimento su autostrada A14 con veicolo abbandonato in discesa

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Febbo rassicura il settore dei giochi e scommesse: "Dalla conferenza Regioni è arrivato l'ok alla riapertura"

  • Titolare ubriaco di un locale della movida finisce nei guai: insulta e minaccia i poliziotti durante i controlli

  • Spunta la “tassa Covid” anche sulle auto: "Non pagate, è illegittima"

Torna su
IlPescara è in caricamento