Marsilio sull'ospedale Covid a Pescara: "Basta sciacallaggio, pronto a querelare chi getta fango"

Il presidente della Regione è intervenuto in merito alle procedure relative alla realizzazione dell'ospedale Covid a Pescara: "Massima trasparenza in tutti i passaggi, la struttura serve per riaprire il Santo Spirito alle attività ordinarie"

Basta sciacallaggi, polemiche, ed accuse da querela per la questione dell'ospedale Covid a Pescara. Il presidente della Regione Marsilio è intervenuto oggi durante il punto stampa dedicato proprio alla realizzazione della struttura che, lo ricordiamo, sarà ospitata all'interno del palazzo ex Ivap di fronte all'ospedale civile Santo Spirito.

Il governatore ha voluto chiarire tutti i passaggi che hanno portato all'assegnazione dell'appalto alla ditta, che sta già operando da diversi giorni, basati sulla massima trasparenza possibile. Marsilio ha fatto sapere di aver deciso di non avvalersi della possibilità di scegliere direttamente la ditta per i lavori senza aprire un bando, come fra l'altro previsto dal Governo per l'emergenza Covid che ha concesso la facoltà di passare direttamente all'assegnazione dell'incarico per accorciare i tempi vista l'urgenza.

No all'affidamento diretto dell'appalto e degli incarichi

Si è dunque deciso di istruire la gara d'appalto. La spesa prevista è di 5 milioni di euro per i lavori strutturali e 6 milioni per l'acquisto delle attrezzature sanitarie necessaire. Inoltre, specifica Marsilio, sono state individuate internamente all'ente regionale le figure professionali che hanno seguito e seguiranno il progetto. Solo due figure sono rimaste scoperte e non c'è stato un affidamento diretto ma un collegio per la selezione tramite anche gli ordini professionali di architetti ed ingegneri abruzzesi.

OSPEDALE COVID, APPALTO CONTESTATO DA UNA DELLE DITTE

Dopo l'apertura delle buste, l'incarico è stato affidato alla ditta che ha presentato l'offerta più bassa come deciso dalla commissione, con il Rup che ha volto anche chiedere spiegazioni sul forte ribasso rispetto alla base d'asta nonostante non ci sia un obbligo di legge. Ogni fase del bando è stata fatta con la massima onestà con la vigilanza armata delle buste per l'affidamento dell'incarico. Marsilio ha poi ricordato che il primo reparto dell'ospedale Covid sarà aperto in meno di 20 giorni, e presto sarà comunicata la data ufficiale di avvio dell'operatività.

L'ospedale Covid19 è utile e sarà utile in futuro

Il governatore poi ha specificato che l'ospedale è necessario per svariati ed importanti motivi: per un possibile aumento dei contagi con una nuova ondata di positivi, facendosi dunque trovare pronti ad intervenire senza caricare in modo gravoso l'ospedale civile ed i suoi reparti come accaduto dall'inizio di marzo fino a qualche settimana. L'ospedale Covid poi è importante anche per la prossima fase 2, considerando che il Governo e la task force valutano fra i principali requisiti per la ripartenza delle regioni la presenza proprio di un ospedale dedicato al Coronavirus. Inoltre, il presidente sottolinea come sia fondamentale "scaricare" dai pazienti Covid il Santo Spirito per far riprendere a pieno regime l'attività sanitaria ordinaria, che si era fermata durante la fase più critica dell'emergenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stop a campanilismi, il "flagello" dell'Abruzzo

Infine, Marsilio chiede che tutte le polemiche, gli attacchi strumentali e politici dettati puramente da questione campanilistiche (che ha definito il flagello d'Abruzzo per decenni) sulla scelta di Pescara per l'ospedale Covid cessino immediatamente, in considerazione del fatto che la struttura pescarese è vicina all'ospedale civile e nel territorio provinciale dove, dati alla mano, ci sono quasi la metà dei contagi e dei pazienti di tutta la regione. All'Aquila è stato già attivato da tempo il reparto Covid nella struttura del G8, e resterà operativo fino ad emergenza conclusa. Nel nuovo nosocomio saranno ospitati anche pazienti di Atri, ed interventi saranno eseguiti anche nelle altre province per trovare strutture ed ambienti idonei e dedicati solo all'emergenza Coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Tragedia a Scafa: schianto mortale per un motocilista lungo la sp63

  • Paura sul ponte Flaiano, giovane minaccia di lanciarsi nel vuoto

  • Autostrada A14 nel caos, 8 km di coda prima del casello di Pescara Nord/Città Sant'Angelo

Torna su
IlPescara è in caricamento