L'assessore Liris rassicura sulla sanità abruzzese: "I fondi ci sono per tutto il territorio"

L'assessore al bilancio fa sapere che tutte le Asl abruzzesi avranno a disposizione fondi per la ripresa delle prestazioni sanitarie ordinarie ed una nuova gestione dell'intero sistema

Anche L'Aquila ed il resto dei capoluoghi di provincia abruzzese avranno fondi regionali destinati alla sanità. Su Pescara è stato il Governo nazionale con il commissario Arcuri, a destinare fondi per la realizzazione dell'ospedale Covid19. A parlare l'assessore regionale Liris, aggiungendo che le polemiche sollevate dall'opposizione sono sterili e non hanno senso, in quanto nessun territorio verrà abbandonato dalla Regione.

L'obiettivo, spiega Liris, è quello di tornare ad una graduale normalità per la gestione delle prestazioni sanitarie no Covid, per curare nel modo appropriato la popolazione da tutte le patologie acute ed ordinarie che di certo non si sono fermate con la pandemia.

Servono strutture, tecnologie e personale se manca una di queste tre componenti non si fa una buona sanità. Anche per questo ritengo strumentali le affermazioni di chi parla senza cognizione. Inoltre servirà un’offerta sanitaria ancora migliore a livello ospedaliero, così come sarà importante investire sulla sanità non ospedaliera, in particolar modo quando si ha a che fare con le difficoltà orografiche e le distanze proibitive che caratterizzano le aree interne.

In tal senso, saranno centrali, nella fase di ripartenza le figure dei medici di medicina generale, dei medici del lavoro (all’interno di ciascuna azienda o attività lavorativa), degli igienisti ed epidemiologi per fotografare e tracciare, momento per momento, la morbilità del territorio e suggerire le giuste strategie di azione

MARSILIO SULL'OSPEDALE COVID": BASTA SCIACALLAGGIO"

Liris sottolinea anche come sarà fondamentale potenziare la medicina territoriale e rivedere l'intero modello di organizzazione regionale, ospedaliera e territoriale, almeno fino a quando con un vaccino sarà definitivamente sconfitto il Coronavirus. Le scelte dovranno essere razionali e ponderate, e quanto di buono fatto in fase 1 dovrà essere fatto in fase 2.

Liris poi si rivolge alle opposizioni:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La tensione che serpeggia tra la gente, dovuta al lockdown e alle conseguenze sociali ed economiche, non deve vedere all’opera sobillatori irresponsabili, ognuno dovrebbe lavorare per apportare il proprio prezioso contributo, in maniera umile e, se possibile, consapevole. Da due mesi figure politiche ed istituzionali, partiti politici si confrontano e scontrano sul tema dei tamponi e dei test sierologici, sembra di assistere ai teatrini sulle formazioni di calcio prima e dopo le partite della Nazionale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Affidamento degli eventi del Comune: arresti domiciliari per Di Pietrantonio e gli ex assessori Cuzzi e Di Carlo

Torna su
IlPescara è in caricamento