Guerra dei Taxi, il PD comunale dal Prefetto: "Siamo preoccupati"

Il gruppo consiliare del PD ha incontrato, con i consiglieri Del Vecchio, Di Pietrantonio e Blasioli, il vicario del Prefetto in merito alla questione della guerra dei taxi fra Pescara e Chieti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPescara

I consiglieri del Partito Democratico, Di Pietrantonio – Del Vecchio – Blasioli, sono stati ricevuti questa mattina dal Vicario prefettizio, Dott.ssa Iaci, a cui hanno espresso le loro preoccupazioni per la triste vicenda che in questi giorni ha visto coinvolti, loro malgrado, i tassisti di Pescara e Chieti.

L’assoluta inconsistenza del decreto emanato dal Presidente Chiodi è stato l’elemento cardine che ha ulteriormente esasperato gli animi degli operatori di taxi di Pescara che si trovano ad operare nella assoluta incertezza e prevaricazione di altri operatori di città limitrofe.

La mancata regolamentazione del servizio presso l’aeroporto d’Abruzzo da parte di tutta la filiera amministrativa del centrodestra – Regione – Provincia – Comune è stato il presupposto per uno stato di assoluta anarchia dove tutti si sono sentiti autorizzati a fare un servizio che al momento, e cioè sin quando non ci sarà una specifica regolamentazione, può essere svolto solo dagli operatori dei comuni su cui ricade l’aeroporto.

Una preoccupazione che non si può dire che possa essere rientrata fin tanto che non ci sarà una assunzione di responsabilità da parte dei soggetti istituzionali interessati affinché termini questa situazione di incertezza e non ci si adoperi per garantire la serenità e la tranquillità dei lavoratori ed assicurare quel servizio all’utenza all’insegna delle migliori tradizioni di efficienza e cortesia richieste..

Per il Gruppo del PD

Moreno Di Pietrantonio

Enzo Del Vecchio

Antonio Blasioli

Torna su
IlPescara è in caricamento