Grande Pescara, altre due persone in sciopero della fame con Di Carlo

Altre due persone, ovvero Alessandro Massari, componente della direzione di Radicali Italiani e Fabrizio Cianci, membro del Comitato Nazionale, si sono unite allo sciopero della fame di Alessio Di Carlo per l'unione fra Pescara, Montesilvano e Spoltore

Anche altri due esponenti politici, ovvero Alessandro Massari, componente della direzione di Radicali Italiani e Fabrizio Cianci, membro del Comitato Nazionale, hanno deciso di unirsi allo sciopero della fame di Alessio Di Carlo per protestare contro la mancata unione dei comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore nel progetto de La Grande Pescara.

Di Carlo ormai da oltre due settimane ha avviato la dura protesta, chiedendo che venga rispettato il referendum popolare che ha visto vincere il sì il 26 maggio 2014.

Si attende che il consiglio regionale esamini l'ordine del giorno.

"Saluto e ringrazio tutti coloro che in questi giorni mi hanno manifestato la loro vicinanza: in particolare il deputato di Sinistra Italiana Gianni Melilla che spesso, in questi anni, ha offerto il proprio appoggio alle nostre iniziative, sia a livello locale che nazionale" ha commentato Di Carlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo per l'Abruzzo e il Pescarese: le previsioni e il bollettino

  • Enrico Remigio di Scafa arriva a quota 300mila euro a "Chi vuol essere milionario", resta solo la domanda da un milione

  • Alla guida sotto effetto dell'alcol, fantasiosa giustificazione di un professionista pescarese: "Mi hanno messo pillola nel bicchiere"

  • Incidente ai Colli, perde il controllo dell'auto e si schianta contro fuoristrada facendolo ribaltare [FOTO]

  • Carica una prostituta e fa uno scontro frontale, lei finisce in ospedale

  • Virus cinese: le indicazioni del Ministero della Salute anti-coronavirus

Torna su
IlPescara è in caricamento