Processo Mare-Monti, D'Alfonso assolto: "4mila giorni per l'emersione della verità"

Corte d'Appello, uguale sentenza per l'imprenditore Carlo Toto. Il governatore-senatore ha assistito, "come del resto faccio sempre", alla breve udienza di ieri attendendo poi il verdetto nel tribunale dell'Aquila

Luciano D'Alfonso

La Corte d'Appello dell'Aquila ha assolto per non aver commesso il fatto dai reati di truffa e falso il presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso, nell'ambito del processo Mare-Monti che si è svolto all'Aquila. D'Alfonso il 17 aprile 2017 aveva rinunciato alla prescrizione.    

Con lui è stato assolto con la stessa formula l'imprenditore Carlo Toto, patron dell'omonimo gruppo industriale. La Corte d'Appello ha confermato, a parziale riforma della sentenza di primo grado, la prescrizione per gli altri due imprenditori, Paolo e Alfonso Toto. Questi ultimi sono stati condannati alle spese processuali.

Il processo ha preso in esame la mancata realizzazione della SS 81 nell'area Vestina, cosiddetta Mare-Monti, e la perizia di variante approvata dalla Provincia di Pescara, dal 1995 al 1999 presieduta da D'Alfonso accusato di falso e truffa perché avrebbe favorito i Toto permettendo loro di realizzare la strada, senza le necessarie autorizzazioni, all'interno della riserva naturale del lago di Penne.

D'Alfonso: "Dopo 4mila giorni ottengo ragione poiché ho potuto assistere all'emersione della verità"

"Dopo 4mila giorni ottengo ragione poiché ho potuto misurare e assistere all'emersione della verità, che si scrive in un solo modo: la totale estraneità da sempre a ogni responsabilità".

Così Luciano D'Alfonso dopo l'assoluzione incassata da parte della Corte d'Appello dell'Aquila nell'ambito del processo sulla mancata realizzazione della Statale 81 nell'area Vestina. Il governatore-senatore ha assistito, "come del resto faccio sempre", alla breve udienza di ieri attendendo poi la sentenza nel tribunale dell'Aquila.

"E io aggiungo, su questa vicenda ho solo avuto una premura positiva a favore del territorio - ha continuato - Si è scritto sempre in questi quattromila giorni 'strada fantasma', facendo intendere che la strada non ci sia e che i soldi siano scomparsi. I soldi ci sono tutti, tant'è che li appalteremo e la strada non è partita per un problema urbanistico, territoriale, di suolo".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Terminator
    Terminator

    Ciò che deve veramente "emergere" ha forma cilindrica, colore marrone (in varie gradazioni) e odore in confondibile: politicanti e puparo sono maestri nel riuscire a tenerla sommersa, hanno chi, più o meno consapevolmente, si sporca le mani per loro. Ma la materia di cui sopra, emergerà, comunque e quantunque.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a Lettomanoppello: gravi cinque ragazzi

  • Cronaca

    Parcheggi estivi sulla Strada Parco: Pescarabici dice no

  • Cronaca

    Pescarese di 108 anni ritrova un titolo di credito del 1948: adesso vale 32.500 euro

  • Cronaca

    Cantieri a Pescara: lunedì 28 maggio nuova chiusura per la riviera nord

I più letti della settimana

  • Il mistero di Marina Angrilli, moglie di Filippone: incidente, omicidio o suicidio?

  • Morte Marina Angrilli, il racconto di un testimone: "Ecco cosa ho visto"

  • Incidente a Lettomanoppello: gravi cinque ragazzi

  • Pescara: donna precipita dal quarto piano in via Rio Sparto

  • Fausto Filippone, il mediatore: "15 mesi fa qualcosa l'aveva stravolto"

  • Il Da Vinci ricorda Marina Angrilli: "Vittima di insensata sete di potere e controllo"

Torna su
IlPescara è in caricamento