Coronavirus, il sindaco di Farindola chiede di inserire anche Penne nella zona rossa

Nella zona rossa sono stati inseriti i comuni di Elice per la provincia di Pescara e 5 della Val Fino (Castiglione Messer Raimondo, Montefino, Arsita, Bisenti e Castilenti) per la provincia di Teramo

Ilario Lacchetta, sindaco di Farindola, chiede al presidente della giunta regionale abruzzese, Marco Marsilio, di inserire Penne nella zona rossa che ha istituito ieri tramite un'ordinanza.
Nella zona rossa sono stati inseriti i comuni di Elice per la provincia di Pescara e 5 della Val Fino (Castiglione Messer Raimondo, Montefino, Arsita, Bisenti e Castilenti) per la provincia di Teramo.

Questo quanto dichiara Lacchetta, come riferisce Ansa Abruzzo:

«Io spero che il Presidente Marsilio possa tornare sulla sua decisione in quanto Penne deve essere assolutamente zona rossa per il boom di contagi che ha avuto, quelli acclarati e quelli non ancora scoperti, e quindi secondo me in questa fase è opportuno che ci fosse stata una chiusura totale dell'area, affinché questi contagi rimangano limitati, per consentirci poi di ripartire. Penso alla Brioni e a quelle altre realtà produttive che con una non chiusura saranno costrette a ricevere lavoratori, con potenziali nuovi contagi che destabilizzerebbero ulteriormente il territorio e quindi per questi motivi mi auguri che il Presidente della Regione torni sui suoi passi».

Il primo cittadino di Farindola commenta anche il primo caso di contagio di un cittadino del suo comune:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ci aspettavamo la notizia della positività anche nel nostro Comune in quanto ormai da diversi giorni c'era stato questo aumento di casi. Si tratta di un fenomeno che desta oltremodo desta preoccupazione per una comunità che ha sofferto tanto in un recente passato e non è nelle condizioni di vivere questo nuovo dramma sociale come quello di qualche anno fa, e quindi l'appello che rivolgo alla cittadinanza è quello di restare a casa. Sui nostri due contagiati si tratta di due casi isolati, con le persone che sono in quarantena già da diversi giorni e mi sento di rassicurare la cittadinanza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I gilet arancioni manifestano a Pescara: “Cacciare Conte, sì a un nuovo parlamento”

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Recuperata auto rubata a Pescara dopo inseguimento su autostrada A14 con veicolo abbandonato in discesa

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento