Coronavirus, Marsilio: "Restate a casa, non vanifichiamo gli sforzi fatti. La curva dei contagi si sta stabilizzando"

Il presidente della Regione Marsilio ha fatto il punto della situazione per l'emergenza Covid19 in Abruzzo e lancia un appello. "Non mollate e restate a casa, contagi crescono ma non modo stabile"

Una situazione difficile e critica anche in Abruzzo, ma i cittadini non devono mollare e restare a casa per non vanificare gli sforzi fatti fino ad ora considerando che la curva dei contagi si sta appiattendo e non è più esponenziale, con la speranza che a breve possa iniziare la fase discendente. Il presidente della Regione Marsilio ha fatto il punto della situazione per l'emergenza Coronavirus durante la conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche l'assessore regionale Verì e  il dottor Albani direttore del pronto soccorso di Pescara e referente regionale per le emergenze sanitarie.

Marsilio ha spiegato che l'Abruzzo sta conoscendo numeri importanti ma comunque inferiori rispetto a molte altre realtà italiane, come la Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna ma anche rispetto alle vicine Marche, dove i casi soprattutto nella zona nord del territorio sono in forte aumento.

CORONAVIRUS, ALTRI COMUNI DEL PESCARESE NELLA ZONA ROSSA SPECIALE

Questo fatto non deve assolutamente farci stare tranquilli sottolinea il presidente, che chiede ai cittadini di rispettare il decreto del Governo e le ordinanze regionali. Analizzano i dati del contagio degli ultimi giorni, ha spiegato che il dato odierno di 124 nuovi casi positivi in realtà va sommato a quello di ieri 24 marzo quando il laboratorio di Pescara, per carenza di reagenti, ha potuto esaminare solo pochissimi tamponi. Per questo, il totale in due giorni è di 150 casi positivi che conferma il trend degli ultimi giorni con poco più di 70 casi accertati giornalmente.

La curva dei contagi, dunque, cresce ma in maniera stabile e questo lascia intuire che a breve, si spera, possa iniziare la fase di diminuzione. Lo stesso dottor Albani ha confermato che i modelli e le curve basate sui dati ricevuti dimostrano che c'è un certo rallentamento nel contagio: si è passati infatti dal raddoppio di casi ogni due giorni ad un raddoppio ogni 3,3 giorni, mentre il raddoppio degli ospedalizzati avviene ogni 4 giorni. La previsione fatta e già accennata ieri dall'assessore Verì di circa 1500 contagi a fine mese dunque viene confermata ed è quella migliore ipotizzata, rispetto all'altra che porterebbe ad oltre 1800 contagi.

"Il virus si sconfigge sul territorio non negli ospedali, ma nelle case con il rispetto del decreto senza uscire di casa se non per necessità inderogabili ed evitando contatti sociali"

Albani ha anche fatto sapere che oggi a Pescara c'è stato il primo parto di una paziente Covid positiva, avvenuto nella sala appositamente dedicata e preparata. Sia il bambino che la madre stanno bene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa il bagno con la mascherina e rischia di morire soffocato: paura sul lungomare nord di Pescara

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Scontro frontale auto-scooterone: tre feriti, due sono gravi [FOTO]

  • Scontro frontale tra auto e scooterone vicino all'aeroporto: gli aggiornamenti

  • Poliziotto aggredito a calci e pugni mentre effettuava un controllo sulla strada parco

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

Torna su
IlPescara è in caricamento