Caramanico: in arrivo 300 mila euro per la frana di Fontegrande

A seguito della frana del 6 febbraio che ha interessato la località di Fontegrande, il dissesto idrogeologico di Caramanico Terme aveva subito una repentina evoluzione, diventando un'emergenza. Ora arriveranno 300 mila euro per i primi interventi

A seguito della frana del 6 febbraio che ha interessato la località di Fontegrande, il dissesto idrogeologico di Caramanico Terme aveva subito una repentina evoluzione, assumendo così le caratteristiche di vera e propria emergenza. Sono svariati i punti in cui l'erosione del versante destro del Fiume Orta minaccia gravemente intere porzioni non solo del centro abitato ma anche di agglomerati periferici. In località Fontegrande-Pisciarello-Cimitero, immediatamente a ridosso del centro abitato, dal 6 aprile si sta verificando un movimento franoso che minaccia le abitazioni adiacenti.

"Come è nostra consuetudine - afferma il Sindaco Mario Mazzocca - abbiamo attivato immediatamente il Gruppo di Lavoro istituito fin dal lontano 2006 per lo studio, il monitoraggio e l'elaborazione di una strategia progettuale per la soluzione dell'annoso problema del dissesto idrogeologico dei nostri nuclei abitati. Abbiamo prontamente interessato i competenti organi istituzionali preposti affinché si ponesse riparo a tale situazione di reale e contingente emergenza".

Nei giorni scorsi la commissione Bilancio del Senato ha approvato all'unanimità la richiesta del Comune di Caramanico Terme disponendo la concessione di un finanziamento di 300mila euro per il Comune stesso destinato all'eliminazione del dissesto idrogeologico del centro abitato. "Siamo consapevoli - continua il Sindaco - di come il risultato raggiunto rappresenti solo il primo passo per la definitiva soluzione dell'annoso problema. Siamo altrettanto convinti che il lavoro tecnico e amministrativo, che si sta svolgendo continuamente ormai da 5 anni in collaborazione con i vari Enti istituzionali, costituisca davvero una solida base per la conoscenza del problema e per la sua radicale soluzione".

Proprio sul piano della strategia progettuale e, quindi, della programmazione di interventi strutturali, il Comune si attivò per tempo istituendo, fin dagli inizi del 2006, l'apposito Gruppo di Lavoro tecnico-amministrativo. Dopo un sopralluogo, il Comune ha inviato il lavoro svolto dal Gruppo Tecnico Comunale ai vari soggetti, teso alla completa definizione degli aspetti diagnostici ed alla elaborazione di una strategia progettuale per la soluzione dell'annoso problema del dissesto idrogeologico dei nuclei abitati di Caramanico, individuando gli interventi da attuare per la radicale soluzione del problema.

Nel prossimo incontro 'in loco', previsto per gli inizi di maggio, tutti gli Enti istituzionali coinvolti si esprimeranno sul progetto redatto e inviato loro dal Comune, la cui complessiva spesa ammonta a oltre 6 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa il bagno con la mascherina e rischia di morire soffocato: paura sul lungomare nord di Pescara

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Scontro frontale auto-scooterone: tre feriti, due sono gravi [FOTO]

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Scontro frontale tra auto e scooterone vicino all'aeroporto: gli aggiornamenti

  • Poliziotto aggredito a calci e pugni mentre effettuava un controllo sulla strada parco

Torna su
IlPescara è in caricamento