Cannabis terapeutica, ostruzionismo negli ospedali nonostante la legge regionale?

A sollevare la questione l'ex consigliere regionale e comunale di Rifondazione Acerbo, che ha raccolto la segnalazione di una donna che si è rivolta alla Asl di Chieti per il figlio che soffre di cefalea a grappolo

Niente cannabis terapeutica in Abruzzo nonostante la legge regionale approvata tempo fa? A sollevare il caso l'ex consigliere regionale e comunale di Rifondazione Acerbo, dopo aver ascoltato la denuncia di una madre che si è rivolta alla Asl di Chieti per una terapia per il dolore da somministrare al figlio.

CANNABIS TERAPEUTIRA, LEGGE APPROVATA MA SCOPPIA LA POLEMICA

"Si è sentita rispondere dal medico che "è tutto fermo", che "si aspetta una legge a livello nazionale". In Abruzzo è in vigore una legge e compito di chi dirige ASL e di chi governa in Regione dovrebbe essere applicarla. Invece si continua a boicottarla anche attraverso un decreto commissariale di D'Alfonso e Paolucci che è in contrasto palese con la legge e quindi illegittimo. E' paradossale che in altre regioni che hanno ripreso la legge che avevo fatto approvare in Abruzzo ormai siano migliaia i pazienti che ricevono dal servizio sanitario cannabis terapeutica mentre in Abruzzo non si fa funzionare come dovrebbe". Acerbo ha inoltre chiesto di poter essere ascoltato in audizione durante la seduta della prossima commissione competente alla Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere morto suicida in ufficio, ecco chi era la vittima

  • Lite tra famiglie per il pranzo all'Ikea, ferita bambina di 11 anni: tra i contendenti un pescarese

  • Incidente mortale autostrada A14, tratto chiuso verso Pescara

  • Dramma a Pescara, carabiniere si suicida in ufficio - FOTO -

  • Carabiniere morto suicida in ufficio, c'è sgomento tra i colleghi del Noe [FOTO-VIDEO]

  • Morto Aldo Lavorato, storico titolare della pizzeria "Regina" di via Mazzini

Torna su
IlPescara è in caricamento