Autovelox, Blasioli attacca il Comune: "Perchè acquistarne nuovi se i vigili già li hanno?"

Il consigliere comunale Blasioli attacca la giunta Mascia per la decisione di acquistare nuovi autovelox quando la Polizia Municipale già ne ha in dotazione alcuni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPescara

Un altro papocchio sulla mobilità è in arrivo nella città di Pescara e a farne le spese saranno i cittadini.

Il Comune, rifacendosi ad una delibera di Giunta (D.G.C. n. 168 del 22 febbraio 2013) diretta a istituire un servizio sperimentale per la riduzione del tasso d'incidentalità, si prepara nel silenzio più totale ad acquistare ed istallare a Pescara sei semafori Autostop HD della Sodi scientifica in modalità controllo rosso e/o in alternativa controllo della velocità e 2 autovelox tipo 105 SE della Sodi Scientifica.

Mentre non sembrerebbero esserci problemi sui sei semafori che andranno a regolare tre incroci che verranno scelti tra:

1) via Marconi - via Mazzarino

2) C.so Vittorio Emanuele – via Venezia

3) via Rio Sparto – via San Donato

4) via Tiburtina – via Stradonetto

più problemi sorgono per l'istallazione di 2 autovelox che verranno istallati periodicamente negli attuali box di colore blu che attualmente ne risultano sprovvisti. Detti box si trovano: 1) Asse Attrezzato tronco SS. 16 Dir. Pescara Km. 1+444, 2)  Asse Attrezzato tronco SS. 16 Dir. Chieti Km. 0 + 300, 3) Vle. Riviera nord dir. Stabilimento Le Naiadi, 4) V.le Riviera nord dir. Sud (ingresso Forestale), 5) Lungomare Cristoforo Colombo (incrocio via G. da Verrazzano), 6 via dell'Emigrante prima del sottopasso via G. Toppeta; 7) via Caravaggio dir. Nord. Prima rotatoria confine con Montesilvano, 8) via di Sotto bivio Strada Colle Scorrano, 9) via di Sotto 10) via Colle di Mezzo (civico n. 83), 11) Strada della Bonifica dir. Nord slargo via Pantini, 10) via Tiburtina dir. Pescara viadotto Sambuceto, 11) via E. Ferrari,

12) via della Pineta. La domanda che mi pongo è infatti questa.

La nostra Polizia Municipale ha già in dotazione un autovelox ed un telelaser. Tali apparecchiature richiederebbero la simultanea presenza di quattro agenti, circostanza che spesso, in passato, sembrerebbe aver creato non poche criticità per l'organizzazione delle risorse umane già fortemente provate dal variegato impiego cui sono sottoposte giornalmente. Nella migliore delle ipotesi, secondo quanto è stato più volte relazionato in occasione delle varie interrogazioni consiliari, la nostra P.M. riesce a mettere in campo 8 unità, 12 molto più raramente, per il servizio di Sicurezza Stradale. Disporre un eventuale servizio che conti ben 4 o addirittura 8 unità di personale assegnate al servizio autovelox significherebbe ridimensionare drasticamente il numero degli agenti da destinare all'impiego operativo su strada lasciando la città nell'abbandono e nella deregulation totale.

Vi è di più, nella delibera di Giunta Comunale n. 390 del 16 maggio 2013 si chiede al Comandante della Polizia Municipale di predisporre un servizio dedicato di 4 agenti a rotazione da destinare al controllo della velocità pericolosa nelle vie comunali. Restando nel dubbio che si possa ordinare al Comandante della Polizia Municipale di organizzare un servizio dedicato,  viene subito da chiedersi perché cercare una società esterna che fornisca questi strumenti quando la nostra Polizia Municipale già aveva a disposizione un autovelox ed un telelaser perfettamente funzionanti? Come si concilia questa scelta con la dotazione minima degli agenti di P.M. su strada? E soprattutto come si giustifica questa scelta dinanzi alla Corte dei Conti?

Ancora una volta si ha l'impressione che si possa disporre dei denari pubblici sottovalutando procedure amministrative e beni già a disposizione. Per questo chiedo all'Assessore Fiorilli ed al Sindaco Mascia di soprassedere da nuovi contratti che possano ingiustamente indebitare l'ente pubblico e di far fronte con i mezzi già a disposizione dell'ente.

Il Consigliere Comunale PD Antonio BLASIOLI

Torna su
IlPescara è in caricamento