Scoperto un accampamento sotto la pista ciclabile del lungofiume nord - FOTO -

Sul posto si è recata questa mattina la commissione comunale sicurezza presieduta da Armando Foschi

Un accampamento di fortuna con tanto di tendine, letti, coperte, stoviglie e bucato negli spazi presenti sotto alla pista ciclabile del lungofiume nord, nella zona vicina all'ex circolo canottieri. È la scoperta fatta questa mattina dalla commissione sicurezza del Comune, presieduta da Armando Foschi, dopo le segnalazioni ricevute da alcuni cittadini sulla presenza di disperati e senzatetto.

Presenti anche l'assessore Sulpizio e il maggiore della polizia municipale Silvestris:

Da un lato ci sono 7 valige piene di materiale, accanto un letto, e subito dopo una sorta di dispensa, con scatolame vario di cibo e anche alimenti per animali. Quindi delle ciabatte e una borsa da donna, del bucato lasciato in una bacinella, e altro materiale, il tutto protetto da una tendina che, evidentemente, viene tirata di notte per garantire un minimo di riservatezza. È chiaro che, al di là del timore espresso dai cittadini, un simile accampamento non può essere tollerato innanzitutto a tutela di quei senzatetto che vivono sotto la pista ciclabile, e che vanno protetti e assistiti in nome della loro dignità e sicurezza: dormire sotto una pista ciclabile, in mezzo alla strada, esposti a ogni genere di pericolo, non è certamente ammissibile

Foschi ha ricordato che il Comune ha aperto un dormitorio in via Lago Sant'Angelo, e per questo ora si interverrà per cercare di dare assistenza alle persone che vivono in quell'accampamento, che per ovvi motivi di decoro e pubblica sicurezza non è accettabile e verrà smantellato

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 A questo punto però chiediamo anche l’intervento dell’ufficio tecnico comunale, affinchè venga predisposta l’immediata chiusura dei tre varchi sotto la pista ciclabile, con dei pannelli in cemento armato, oppure anche con delle reti metalliche d’acciaio ben ancorate, al fine di impedire che altri disperati vadano a dormire sotto anziché chiedere il giusto aiuto e l’assistenza alle Istituzioni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Affidamento degli eventi del Comune: arresti domiciliari per Di Pietrantonio e gli ex assessori Cuzzi e Di Carlo

Torna su
IlPescara è in caricamento