Trasporti, due autobus a metano per le corse extraurbane a Pescara

L'azienda di trasporto unica Tua, ha acquistato due autobus a metano per le tratte extraurbane attorno a Pescara. Questa mattina la presentazione ufficiale dei mezzi alla presenza del Presidente D'Alfonso

Due autobus a metano, a basso impatto ambientale e che consentiranno un sensibile risparmio in termini di carburante e manutenzione. Presentati questa mattina i due mezzi acquistati dall'azienda dei trasporti Tua, e che entreranno da subito in funzione garantendo la copertura delle tratte extraurbane da e per Pescara.

Alla cerimonia di presentazione presente il presidente D'Alfonso, che ha ricordato come a breve entreranno in funzione anche le altre 30 unità appena acquistate destinate al trasporto pubblico su gomma nella nostra Regione,

"Intendiamo sostituire al trasporto individuale quello collettivo non solo perchè l'Europa lo pretende in virtù delle scadenze del 2020, del 2030 e del 2050, ma perché significherebbe far rinascere la comunità. Mi auguro che attraverso queste scelte, si riescano ad attivare quei correttivi che dobbiamo realizzare anche rispetto al trasporto nelle aree urbaene e metropolitane. Dobbiamo lavorare perché oltre il 60 per cento della domanda di spostamento si realizzi attraverso il trasporto collettivo" ha aggiunto il presidente della Regione.

I nuovi mezzi a metano consentiranno un risparmio secco pari al 30% rispetto all'utilizzo di mezzi a gasolio.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Coronavirus, un paziente risulta positivo al test: primo caso in Abruzzo

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus, l'ordinanza: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

Torna su
IlPescara è in caricamento