Filovia sulla Strada Parco, Angiolelli: "Ecco i peccati originali di Filò"

Il portavoce dei comitati Greenway interviene sul progetto, ormai risalente a 25 anni fa, che è stato "improvvisato e rabberciato al solo scopo di puntare a conseguire i finanziamenti disposti dalla legge n. 211/1992"

Ivano Angiolelli, portavoce dei comitati Greenway Strada Parco, interviene sul Filò e su quelli che definisce "i peccati originali" di un progetto ormai risalente a 25 anni fa, "improvvisato e rabberciato al solo scopo di puntare a conseguire i finanziamenti disposti dalla legge n. 211/1992".

“Non c'è - afferma Angiolelli - uno studio preliminare di valutazione di impatto ambientale, eluso benché prescritto dalla legge, circa la sussistenza di possibili soluzioni alternative. Manca inoltre un piano economico-finanziario sostenibile nel rapporto costi/benefici, altro requisito essenziale rappresentato con dati di pura fantasia in barba alle prescrizioni di legge (11,5 milioni di passeggeri per anno, senza l’indispensabile parcheggio scambiatore a Nord, mai appaltato)”.

Il portavoce fa notare anche l'assenza di un “percorso riservato in sede protetta” nella sua intera estensione, che sia dotato delle caratteristiche compatibili con i sistemi Bus Rapid Transit sia per la carreggiata sia per i marciapiedi, "irregolari e inaccessibili alle persone con disabilità". I tratti in sede promiscua "finirebbero per penalizzare la velocità commerciale attesa di 21 km/ora, vanificando la valenza strategica dell’opera". Non solo: 

"Mancano i sottopassi agli incroci principali, con gli inevitabili rallentamenti alla circolazione veicolare bidirezionale Mare-Monti, così vanificando i benefici attesi sulla qualità dell’aria, e manca un vettore compatibile per il trasporto rapido di massa, dotato di guida vincolata: indispensabile, a fini di sicurezza, su un tracciato troppo stretto per accoglierlo a doppia via di corsa".

Infine mancano banchine di fermata e pensiline "regolari e sicure, anch’esse inaccessibili ai portatori di disabilità", e come se non bastasse manca persino il parere favorevole della Commissione ministeriale di Alta Vigilanza, “indispensabile per l’ammissibilità alla graduatoria di merito dei benefici finanziari: parere superato grazie ai buoni uffici interposti dal compianto On. Nino Sospiri, che non avrebbe mai consentito lo scempio consumatosi a danno della Strada Parco e dei cittadini”.  

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Gli autobus elettrici devono passare. Servono corsie preferenziali

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Loreto Aprutino: si ribalta col trattore, morto agricoltore

  • Cronaca

    Accoltella buttafuori davanti ad una discoteca: denunciato

  • Cronaca

    Paura sul treno Pescara - Sulmona: convoglio urta albero, ferito macchinista

  • Elezioni

    Elezioni Comunali Pescara 2019: Alessandrini si fa da parte, nessuna ricandidatura

I più letti della settimana

  • Raddoppiano i voli dell'aeroporto d'Abruzzo da aprile, tratte e dettagli

  • È morto il giornalista e avvocato Angelo Minnucci

  • Porta Nuova, morto il farmacista Marcello Di Lisio

  • Pescara, rinvenuto cadavere in uno stabile abbandonato

  • Autovelox e telelaser, previsti controlli dal 22 al 24 marzo: ecco le strade interessate

  • Controlli con lo Speed Scout nelle gallerie della Circonvallazione, 200 multe in 2 mesi

Torna su
IlPescara è in caricamento