Lotta alle plastiche nei mari, a Pescara arriva il cestino Seabin [FOTO]

Un singolo dispositivo è in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 kg di detriti al giorno, ovvero oltre 0,5 tonnellate di rifiuti l’anno, comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm

Anche Pescara dice no alle plastiche nel mare e, grazie alla collaborazione di Volvo Italia, aderisce al progetto Life Gate Plastic Less. Questa mattina al porto turistico è avvenuta la posa del cestino "Seabin" per la raccolta dei rifiuti galleggianti.

Si tratta di un dispositivo che risulta particolarmente efficace proprio in aree come i porti, all’interno dei quali – grazie all’azione dei venti e delle correnti – convergono i rifiuti che vengono scaricati in mare. Un singolo "Seabin" è in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 kg di detriti al giorno, ovvero oltre 0,5 tonnellate di rifiuti l’anno, comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm.

L’iniziativa legata al progetto Life Gate Plastic Less è sostenuta da Volvo Car Italia con le sue concessionarie e rientra nell'impegno sociale di Volvo Cars in favore del ridotto impatto ambientale e della sostenibilità. Alla cerimonia odierna hanno partecipato:

  • Gianni e Daniele Pavoni, titolari della concessionaria Volvo Pavoni di Pescara 
  • Corrado Franchini, Responsabile Vendite Volvo Car Italia
  • Luca Di Tecco - Presidente Cda Marina di Pescara
  • Carmine Salce - Vice Presidente Camera di Commercio Chieti Pescara

Inoltre, in rappresentanza del Comune di Pescara, sono intervenuti il sindaco Marco Alessandrini e l'assessore al decoro urbano Paola Marchegiani

“Pescara è la mia città, amo la mia terra e il mio mare e il fatto di poter contribuire concretamente con Volvo al miglioramento della salute del mio territorio mi ha fatto aderire immediatamente - ha detto Gianni Pavoni - Come imprenditore faccio mie le tematiche etiche di Volvo, da sempre attenta all’ambiente e alla sicurezza”.

Lotta alle plastiche nei mari, a Pescara arriva il cestino Seabin

Soddisfazione è stata espressa da Luca Di Tecco:

“La vocazione eco-friendly del Marina di Pescara si rafforza ulteriormente, a pochi giorni dalla conferma della Bandiera Blu anche per il 2019/20. Siamo convinti che il mondo possa cambiare partendo dalle piccole cose e il Seabin appena entrato in funzione fa parte di quei piccoli gesti che lanciano grandi messaggi”. 

Carmine Salce ha poi concluso:

“Il Marina di Pescara rappresenta un vanto per noi e la nostra regione. Terzo porto turistico in Italia, è un esempio di virtuosismo e sostenibilità. Come ribadito dalle recenti direttive europee sull'economia circolare, le imprese green corrono più delle altre, sono più competitive ed innovano di più”.

Potrebbe interessarti

  • Vacanze in vista? Come richiedere il passaporto e dove rinnovarlo

  • Problema formiche? Ecco come allontanarle con rimedi naturali

  • Pancia gonfia? I migliori rimedi per combatterla

  • 5 sport da spiaggia da provare questa estate a Pescara

I più letti della settimana

  • Donna con carrozzino si perde e finisce insieme al figlio sull'asse attrezzato

  • Ligabue a Pescara, cambia la posizione del palco: novità per i biglietti

  • Pescara, pericoloso inseguimento sull'asse attrezzato: auto speronata dalla polizia - FOTO -

  • Pescara, bimba di un anno presa a calci e schiaffi lungo la riviera

  • Ritrovate parti del corpo di una persona a Caramanico, vigili del fuoco e carabinieri sul posto

  • Schianto tra moto e furgoncino sulla Tiburtina Valeria, muore centauro

Torna su
IlPescara è in caricamento