Turismo nelle ex miniere del Parco Maiella, firmata a Pescara intesa con Agenzia Demanio

L'obiettivo è di valorizzare i siti minerari dismessi e gli ulteriori immobili pubblici nel Parco Nazionale della Majella d'Abruzzo che da antiche miniere potranno divenire delle risorse per nuove attività turistiche, culturali e museali

Le ex miniere del Parco Nazionale della Majella si apprestano a diventare una nuova destinazione turistica e culturale della regione. Questo il senso del Protocollo d'Intesa firmato a Pescara fra Agenzia del Demanio, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti, Regione Abruzzo, Provincia di Pescara, Ente Parco Majella e ANCI.

L'obiettivo è di valorizzare i siti minerari dismessi e gli ulteriori immobili pubblici nel Parco Nazionale della Majella d'Abruzzo che da antiche miniere potranno divenire delle risorse per nuove attività turistiche, culturali e museali. Il Protocollo impegna tutte le istituzioni coinvolte a raccogliere e valorizzare l'eredità di un'imponente attività estrattiva a fini turistico-ricettivi, non solo attraverso percorsi di archeologia industriale, ma anche con la promozione del turismo lento e con progetti culturali.

E' un patrimonio pubblico che comprende centinaia di gallerie sotterranee, reperti industriali ed edifici di superficie, diffusi su un territorio di oltre 11 comuni, oltre 100 anni di attività dei minatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Aeroporto d'Abruzzo diventa hub nazionale: sì all'allungamento della pista

  • Montesilvano, donna colpita alla testa da una pietra: la ricostruzione dei fatti

  • Incidente frontale nel Pescarese, ferita gravemente una ragazza

  • Francesco Totti a Pescara, la Rete impazzisce per il Capitano [FOTO]

  • Sequestrati 10 mila litri di gasolio, 3 persone nei guai per contrabbando di carburante

  • Pescara, Spaccio di droga al "Ferro di Cavallo": arrestate dieci persone

Torna su
IlPescara è in caricamento