A Pescara spesi 96 milioni di euro per le auto nuove e 208 euro a famiglia per la telefonia nel 2019

A fotografare il quadro della spesa per i beni durevoli nella nostra regione è l'Osservatorio dei Consumi Findomestic, realizzato in collaborazione con Prometeia

Pescara è la provincia abruzzese che ha mostrato la crescita maggiore degli acquisti di beni durevoli (+1%). 
A fotografare il quadro della spesa per i beni durevoli nella nostra regione è l'Osservatorio dei Consumi Findomestic, realizzato in collaborazione con Prometeia.

Come riferisce l'AdnKronos, nel 2019 la spesa per i beni durevoli ha mostrato una lieve crescita (0,3%), inferiore alla media nazionale (+2,1%), e ha raggiunto quota 1 miliardo e 340 milioni di euro.

Nell'ambito della mobilità "corrono" i motoveicoli (+3,1%) e le auto usate (+2,4%, 348 milioni di euro), ma sono in calo quelle nuove (-0,7%, 365 milioni). In positivo gli elettrodomestici (3,3%) e i mobili (+1,5%). L'elettronica di consumo ha registrato il calo più forte (-6,7% rispetto a -5,6% in Italia), seguita dalla telefonia (-4,9% rispetto a -4,4%) e dall'information technology (-2,4%). Le famiglie abruzzesi hanno speso nell'ultimo anno in media per i beni durevoli 2.372 euro, 446 in più rispetto alla media del Mezzogiorno, ma 275 euro in meno in confronto alla media nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le province abruzzesi Pescara ha mostrato la crescita maggiore degli acquisti di beni durevoli (+1%), L'Aquila (0,5%) e Chieti (0,4%) si sono collocate sopra la media regionale, mentre Teramo (-0,5%) è l'unica in negativo. Le famiglie teramane hanno tuttavia speso mediamente di più (2.412 euro per famiglia), seguite da quelle di Chieti (2.387), Pescara (2.357) e L'Aquila che, con 2.330 euro per famiglia, occupa il 71esimo posto tra le 107 province Italiane. La spesa in beni durevoli a Pescara ha raggiunto i 327 milioni di euro in totale (+1% rispetto al 2018). Ad alimentarla soprattutto il mercato delle auto nuove che con 96 milioni di euro (693 euro a famiglia) rappresenta oltre un terzo del totale e Pescara è l'unica provincia in crescita: +0,3% a fronte di un -0,7% in Abruzzo. Leader nella crescita dei consumi di auto usate (+4,7%, 80 milioni di euro e 578 euro a famiglia di media) sono in positivo, seppur lievemente, anche gli acquisti di motoveicoli (+0,3%). Cresce in generale il comparto casa: +2,7% gli elettrodomestici, per un valore di 21 milioni di euro, e +1,9% i mobili con 73 milioni di euro complessivi e 528 euro di media per famiglia. Con percentuali anche peggiori del dato regionale (-4,9%) e nazionale (4,4%), il mercato della telefonia nel pescarese arretra del 5,3% a 29 milioni di euro in totale, ma nonostante un calo del 7,3%, le famiglie di Pescara mantengono la leadership nella spesa media per la telefonia: 208 euro per nucleo nel 2019. L'intero comparto tecnologico ha faticato nel 2019: l'information technology non supera gli 8 milioni di euro di spesa complessiva (-3,1%) e l'elettronica di consumo crolla a -7,5%, il dato peggiore tra le province abruzzesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento