Maltempo, la Cna: "Sì alla richiesta di stato di calamità, serve sostegno alle imprese"

L'associazione di categoria interviene in merito alla questione dei danni causati dall'ondata di maltempo alle imprese pescaresi ed abruzzesi

Sostenere la richiesta dello stato di emergenza, e dei relativi risarcimenti, avanzata dal presidente della Regione Marsilio al Governo, e dare il massimo appoggio alle imprese ed attività messe in ginocchio dall'emergenza maltempo. La Cna Abruzzo, con il presidente regionale Saraceni, si schiera al fianco degli imprenditori colpiti duramente dagli eventi del 10 luglio, soprattutto lungo la costa dove gli stabilimenti balneari e le strutture turistiche hanno subito danni gravissimi.

Si tratta adesso di offrire assistenza, come noi stiamo facendo con i nostri associati, alle attività colpite ma anche di rivendicare con forza, assieme alle istituzioni locali ed alle altre forze sociali abruzzesi, il diritto a un risarcimento per chi ha patito danni alle proprie attività o alle proprie attrezzature, a chi ha perduto irreparabilmente scorte e dotazioni. Questo in ragione del fatto che esistono precedenti in tal senso, ma anche perché la prima impressione che si ricava dalle vicende di questi giorni è che molte amministrazioni comunali siano parse impreparate a fronteggiare l’emergenza. E che molti dei danni patiti siano riferibili alle conseguenza di mancate manutenzioni ordinarie di reti, scarichi e sistemi fognari

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricordiamo che sulla questione maltempo anche la Confesercenti e la Confcommercio erano intervenute per sottolineare la gravità e l'eccezionalità dell'ondata del 10 luglio, chiedendo alle istituzioni risposte rapide per gli indennizzi agli imprenditori, evitando situazioni come quelle del 2017 in cui gli indennizzi furono pagati a distanza di due anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento