Appaltati i lavori per la costruzione della piscina termale a Caramanico

La realizzazione dell'opera è finanziata con 600mila (dalla precedente giunta regionale D'Alfonso) euro e sarà realizzato dall'impresa romana Cofam srl

Appaltato il primo lotto dei lavori per la costruzione delle piscine termali pubbliche a Caramanico.
La realizzazione dell'opera è finanziata con 600mila (dalla precedente giunta regionale D'Alfonso) euro e sarà realizzato dall'impresa romana Cofam srl.

L'approvazione delle determina comunale che aggiudica l'appalto risale allo scorso 30 dicembre. 

Dunque i lavori di realizzazione dell’importante infrastruttura potranno dunque partire a breve. Le relative opere hanno un importo complessivo al netto del ribasso pari a circa 470mila euro. 

Questo quanto dichiara Mario Mazzocca, capogruppo di "Uniti per Caramanico" e presidente di "ReteAbruzzo":

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Siamo ancora in attesa di notizie sulla attuazione della deliberazione di giunta regionale numero 626 del 27oOttobre 2017, con il quale si assicurava l'ulteriore finanziamento di 1 milione di euro per il 2° e definitivo lotto funzionale delle piscine termali. Al presidente Marsilio, ormai otto mesi or sono, ponemmo 10 domande che a oggi restano senza risposta alcuna. Una di queste era proprio relativa a tale importante attività, dal momento che l’allora giunta regionale determinò come prioritario "l’ulteriore finanziamento di 1 milione di euro, per la realizzazione dell’intervento in questione, attraverso le prime economie di spesa". Perchè ciò non è ancora avvenuto? Cosa si sta attendendo? Eppure, da una semplice lettura della pagina web ufficiale della Regione, si apprende come nel solo anno 2019 sono state ben 15 (quindici) gli atti deliberativi con cui la giunta Marsilio ha proceduto a "riprogrammare" le economie nel frattempo concretizzate, fra eventi sportivi, iniziative per l'offerta turistica, completamenti di auditorium, reti stradali, ecc., per diversi milioni di euro. Ci auspichiamo che la 16A sia la volta buona. A Marsilio chiediamo questo, nel rispetto delle famiglie, ancora senza lavoro e in gravi difficoltà economiche, e di un territorio di eccellenza che non merita una politica approssimativa e superficiale. E per quanto ci riguarda, siamo orgogliosi del lavoro che abbiamo svolto in questi anni e siamo ancora convinti che le piscine termali potranno contribuire a ridare slancio al nostro paese, nonostante il pessimismo e l'ostracismo dimostrato nel corso degli anni della maggior parte dei nostri oppositori, vecchi e nuovi. Di certo noi, su questo ed altri temi, dove il tempo saprà sicuramente dimostrarsi galantuomo, non molleremo di un millimetro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Abruzzo, torna a salire il numero dei morti: 8 nuovi decessi, 3 sono del Pescarese

  • Rispetto delle misure anti coronavirus, l'Abruzzo è tra le regioni più virtuose

  • Distrugge auto a bastonate e minaccia di morte il proprietario, violenta lite a Montesilvano [FOTO]

  • Coronavirus, altre cinque vittime in Abruzzo: tre sono del Pescarese

  • Coronavirus, Marsilio estende la zona rossa speciale anche all'area vestina: i comuni interessati

  • Coronavirus, Montesilvano piange un altro concittadino

Torna su
IlPescara è in caricamento