Indennizzi a fondo perduto per salvare commercio e turismo, le richieste di Confcommercio Pescara

Questa la richiesta di Franco Danelli, presidente di Confcommercio Pescara per provare a salvare le aziende duramente colpite dal blocco totale a causa dell'emergenza Coronavirus

“Servono indennizzi a fondo perduto per salvare le imprese del commercio e del turismo".
Questa la richiesta di Franco Danelli, presidente di Confcommercio Pescara per provare a salvare le aziende duramente colpite dal blocco totale a causa dell'emergenza Coronavirus.

“Il perdurare della situazione di emergenza, con la chiusura di molte imprese, sta provocando danni incalcolabili", ricorda il numero 1 dell'aassociazione di categoria.

"Per rimediare almeno in parte a questa situazione", sottolinea Danelli, "oltre alla cancellazione che avevano già chiesto dei tributi locali (Cosap-Imu-Tari), sono a questo punto necessari indennizzi a fondo perduto rapportati alla perdita di fatturato documentabile come hanno già fatto altri paesi europei come Germania e Francia. Da oltre un mese le saracinesche sono abbassate e gli incassi azzerati ma i costi, dagli affitti alle utenze, continuano ad accumularsi e le prospettive di ripresa sono incerte e non affatto rosee. Non può più essere sufficiente il semplice accesso al credito, comunque utile, in quanto si tratta di contrarre ulteriore debito che andrà prima o poi restituito. Senza contributi a fondo perduto migliaia di piccole e medie imprese del commercio e del turismo non riusciranno a ripartire e non saranno quindi neanche in grado di restituire la liquidità ottenuta. Per questo ci siamo mossi a 360 gradi nei confronti di tutti gli Enti territoriali che possono supportare le nostre richieste: dalla Regione, alla Camera di Commercio di Chieti-Pescara, ai Comuni della provincia".

Confcommercio però si aspetta soprattutto dal Governo risposte concrete a queste proposte:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • contributo a fondo perduto rapportato alla perdita di fatturato documentabile;
  • sostegno finanziario al pagamento degli affitti e estensione del credito di imposta a tutto il 2020;
  • cancellazione delle imposte locali e nazionali per tutto il 2020;
  • liquidità immediata con meccanismi semplici e a tasso zero;
  • aumento del bonus per le partite iva, almeno a 1000 euro per tutto il periodo di crisi;
  • estensione della cassa integrazione oltre le nove settimane previste;
  • sospendere per il primo semestre e poi rateizzare il pagamento delle bollette delle utenze.

"Ci aspettiamo", conclude Danelli, "che nel Decreto di Aprile possano esserci le cose da noi richieste e che i Comuni e la Regione intervengano con forza presso il Governo per cancellare le imposte locali e nazionali. Occorre intervenire con rapidità e decisione per salvare l’inestimabile patrimonio costituito dalle piccole e medie imprese del commercio e del turismo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente in mare morde bagnino a una mano, intervengono i carabinieri forestali

  • Dramma a Cappelle sul Tavo: si toglie la vita dopo la morte del figlio in un incidente

  • Poliziotta pescarese morta in casa, era madre di due figli

  • Tragedia a Scafa: schianto mortale per un motocilista lungo la sp63

  • Paura sul ponte Flaiano, giovane minaccia di lanciarsi nel vuoto

  • Autostrada A14 nel caos, 8 km di coda prima del casello di Pescara Nord/Città Sant'Angelo

Torna su
IlPescara è in caricamento