Guardie giurate "Aquila" senza stipendio da due mesi: scatta la protesta

A raccogliere l'appello dei lavoratori, senza stipendio da mesi e sottoposti anche ad azioni disciplinari, il sindacato Ugl che annuncia possibili scioperi e proteste

Lavoratori senza stipendio da oltre due mesi, oltre a contestazioni e sanzioni da parte dell'azienda considerate completamente illegittime. Protestano le guardie giurate dell'istituto "Aquila" Abruzzo con il sindacato Ugl Sicurezza Civile ed il segretario regionale Urbini che chiedono un intervento immediato da parte delle istituzioni locali, in particolare della Prefettura di Chieti.

I lavoratori vivono una situazione disastrosa che si ripercuote sulle rispettive famiglie, e le richieste già avanzate da mesi non hanno portato a nulla, aggiunge il sindacato:

L’UGL ha richiesto un incontro al Prefetto di Chieti più di una volta senza avere mai ricevuto un riscontro, ci auguriamo che questa volta la Prefettura vorrà valutare e risolvere il problema che sta diventando sempre più un grave problema sociale
che come sempre ricade sui lavoratori. Qual’ora non venisse dato seguito alle richieste i lavoratori incroceranno le braccia  valuteranno altri modi di protesta

Potrebbe interessarti

  • Cosa sono le case di riposo e dove si trovano a Pescara e provincia

  • Montesilvano, mercatino di via Strasburgo completamente distrutto dal vento [FOTO]

  • Punture di medusa? Ecco cosa fare immediatamente

  • Carta di identità elettronica a Pescara: come richiederla o rinnovarla

I più letti della settimana

  • Uomo morto dopo un'aggressione in strada a Pescara [FOTO]

  • Emessa una nuova allerta meteo della Protezione Civile, ancora rischio grandine

  • Danni da grandine e maltempo, ecco come presentare la documentazione per il risarcimento

  • Rimborso per danni da grandine e maltempo, ecco come fare richiesta a Pescara

  • Pescara, sequestrata casa a luci rosse nel cuore di Porta Nuova - FOTO -

  • Maltempo, tromba marina davanti alla costa di Pescara [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento