Cibo e prodotti agroalimentari "falsi", dall'Abruzzo 34 mila firme per la petizione in Europa

Le 34 mila firme raccolte da Coldiretti Abruzzo si uniranno assieme a quelle raccolte in tutta Europa superando 1,1 milioni di adesioni per la petizione da presentare alla Commissione Ue

Anche l'Abruzzo ha contribuito con 34 mila firme alla petizione per la tutela dei prodotti alimentari da destinare alla Commissione Ue per chiedere di estendere l'obbligo di indicazione dell'origine del prodotto, denominata “Eat original! Unmask your food” (Mangia originale, smaschera il tuo cibo) promossa dalla Coldiretti.

Il presidente nazionale di Coldiretti ha consegnato le firme al presidente Conte durante il Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio. L'iniziativa è sostenuta da numerose organizzazioni e sindacati, e punta a tutelare le eccellenze agroalimentari italiane ed europee dai casi di frode alimentare. L'obiettivo di superare il milione di firme in tutta Europa è stato dunque superato, come evidenzia Coldiretti:

“In Abruzzole firme raccolte nei mercati di Campagna Amica e in occasione delle iniziative promosse da Coldiretti sono state oltre 34.000 (34mila). Un vero e proprio fronte per la trasparenza che, forte del milione di firme raccolto in tutti i Paesi, non può essere più ignorato da una Ue che ha avuto sinora un atteggiamento incerto e contradditorio, obbligando a indicare l’origine in etichetta per le uova ma non per gli ovoprodotti, per la carne fresca ma non per i salumi, per la frutta fresca ma non per i succhi e le marmellate, per il miele ma non per lo zucchero”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con l'obbligo di indicazione del paese di origine di tutti gli alimenti trasformati e non trasformati, senza deroghe, potranno dunque esserci maggiori controlli e soprattutto i consumatori potranno essere tutelati ed informati e scegliere i prodotti in modo consapevole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Tragedia a Rosciano, tenta di rientrare in casa da una finestra e cade: morto un uomo

Torna su
IlPescara è in caricamento