Commissariata la Banca Popolare di Bari (anche ex Caripe), Cgil e Fisac: "Subito provvedimento governativo"

A segnalarlo sono i sindacati Cgil e Fisac Abruzzo-Molise che chiedono "subito un provvedimento governativo"

Il commissariamento della Banca Popolare di Bari (ovvero anche le filiali dell'ex banca Caripe) da parte di Bankitalia apre scenari preoccupanti anche in Abruzzo.
A segnalarlo sono i sindacati Cgil e Fisac Abruzzo-Molise che chiedono "subito un provvedimento governativo".

L’istituto bancario nella nostra regione ha 99 sportelli e 800 dipendenti e annovera un’assidua attività bancaria, prevalentemente tra le provincie di Teramo e Pescara; tutto ciò, dopo aver rilevato, solo nel 2014, le banche Tercas e Caripe.

Questo quanto evidenziano i sindacati in merito alla situazione attuale:

"Procedere urgentemente all'approvazione di un provvedimento governativo che tuteli i lavoratori, salavaguardi i risparmiatori e che garantisca il risanamento della banca in sinergia con l'intervento del fondo interbancario di tutela dei depositi. Il futuro della Popolare di Bari inciderà profondamente sulle dinamiche economiche della nostra regione, in particolare per l’attività delle micro e piccole imprese a cui occorre un forte sostegno creditizio. È necessario proteggere il risparmio degli abruzzesi che abbisogna di tutele e di grande fiducia. Occorre garantire stabilità occupazionale alle lavoratrici e ai lavoratori della Banca che hanno dimostrato dedizione al lavoro ed una grande professionalità, nonostante continue vessazioni e forti pressioni commerciali". 

Auspicando massima chiarezza su quanto accaduto e confidando sull'operato della magistratura e sull'operato della Commissione d'inchiesta parlamentare sulle banche, Cgil e Fisac chiedono: "Un incontro immediato con il Presidente della regione, Marsilio per discutere della crisi in atto e per ribadire la necessità di un forte interessamento del Governo regionale perché si faccia promotore, insieme alle forze sociali ed economiche, di un intervento pubblico che possa dare prospettive alla banca più grande del Sud Italia, in ragione delle enormi ricadute socio-economiche sul territorio; un incontro con i parlamentari eletti in Abruzzo per valutare le azioni da mettere in campo già  dai prossimi giorni a supporto della vertenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo per l'Abruzzo e il Pescarese: le previsioni e il bollettino

  • Enrico Remigio di Scafa arriva a quota 300mila euro a "Chi vuol essere milionario", resta solo la domanda da un milione

  • Alla guida sotto effetto dell'alcol, fantasiosa giustificazione di un professionista pescarese: "Mi hanno messo pillola nel bicchiere"

  • Incidente ai Colli, perde il controllo dell'auto e si schianta contro fuoristrada facendolo ribaltare [FOTO]

  • Dramma a Montesilvano, acqua bollente cade su un bimbo di 16 mesi e lo ustiona: è grave

  • Carica una prostituta e fa uno scontro frontale, lei finisce in ospedale

Torna su
IlPescara è in caricamento