A Città Sant'Angelo si riscopre il Montonico, il vino "perduto" nel tempo

In quella zona della provincia di Teramo che confina con il pescarese, comprendendo dunque anche Città Sant'Angelo, c'è un vino che nel tempo si era perduto e che adesso, invece, sta per ritrovare la strada smarrita. Parliamo del Montonico, pregevole vitigno autoctono che grazie all'azienda agricola Sciarr è tornato al suo antico splendore. Tutto merito di una precisa volontà della famiglia D'Alesio con cui, all'insegna di un metodo di produzione rigorosamente biologico, si è proceduto al recupero e alla rivalorizzazione di un vero e proprio tesoro enoico, caratteristico di queste terre.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa il bagno con la mascherina e rischia di morire soffocato: paura sul lungomare nord di Pescara

  • Violazione delle norme anti Covid sulla riviera, ecco gli interventi della polizia di Pescara

  • Segue ed infastidisce una ragazza in pieno giorno a Villa Raspa di Spoltore: nuovo episodio di delirio per un giovane

  • Coronavirus, sette nuovi contagi accertati in Abruzzo: tre sono nel Pescarese

  • Coronavirus, tornano a salire i nuovi casi in Abruzzo: sei nelle ultime 24 ore, i dati aggiornati

  • Addio a Donna Tina, la regina delle pizzette tonde pescaresi [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento