Val Pescara, scarichi abusivi e depuratori non funzionanti: sequestri e denunce

Il Corpo Forestale assieme alla Capitaneria di Porto ha sequestrato i depuratori comunali di Manoppello e Lettomanoppello e posto sotto sequestro delle condotte fognarie abusive di Tocco da Casauria

Importante operazione del Corpo Forestale dello Stato di Pescara assieme alla Capitaneria di Porto, in merito agli scarichi abusivi ed all'inquinamento del fiume.

I depuratori di Manoppello e di Lettomanoppello, assieme a delle condotte e scarichi fognari del Comune di Tocco da Casauria sono stati sequestrati su disposizione del Tribunale di Pescara.

Denunciate due persone, i pescaresi D. G. B., sessantatreenne Direttore del Settore Depurazione, e L. L., cinquantaquattrenne Direttore Tecnico, della stessa società per azioni che gestisce la depurazione dei rispettivi comuni, per aver effettuato, in concorso tra loro, uno scarico non autorizzato sul suolo ed uno sversamento di reflui e liquami maleodoranti e molesti per la popolazione residente, oltre all’inquinamento delle acque, al getto pericoloso di cose e alla mancata autorizzazione allo scarico.

Gli inquirenti, infatti, hanno scoperto che i due depuratori, già finiti sotto sequestro nel 2011, non erano stati messi in regola ed erano in uno stato di completo degrado, con malfunzionamenti che causavano sversamenti di liquami direttamente nel fiume.

Ora i depuratori sono stati affidati al personale tecnico dei rispettivi comuni che dovrà in tempi brevi ripristinare il perfetto funzionamento dei dispositivi.

Inoltre, a Tocco da Casauria è stato accertato uno scarico abusivo che raccoglieva i reflui di 1.600 abitanti, compreso l'Ospedale, e che riversava gran parte delle acque inquinanti direttamente nel fiume tramite delle condotte in cemento abusive.

Il monitoraggio sul Fiume Pescara,intrapreso dalla Capitaneria di Porto e dal Corpo forestale dello Stato già dall’estate scorsa, ha riguardato principalmente l’esistenza e la consistenza degli scarichi, dalla foce alla sorgente, e ha già permesso di creare una banca dati su supporti GIS cartografici.

“Le verifiche su tutti gli scarichi censiti stanno consentendo agli inquirenti di scoprire eventuali ulteriori condutture che inquinano o compromettono, mediante l’immissione fuori limite di liquami ad alta carica microbica o, peggio, la loro mancata depurazione, la qualità delle acque del Fiume Pescara e, di conseguenza, quelle del Mare Adriatico” hanno dichiarato i vertici locali del Corpo Forestale e della Capitaneria di Porto, annunciando nuovi controlli e nuove ispezioni nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come allontanare le cimici da casa ed evitare un’invasione

  • Rissa a colpi di bottiglie in un bar di viale Europa

  • Incidente sull'asse attrezzato, carambola tra 3 veicoli: un ferito [FOTO]

  • Blitz delle forze dell'ordine in contrada Giardino a Montesilvano Colle [FOTO]

  • Uomo ritrovato morto in casa a Montesilvano

  • Pescara, completamente ubriaca tampona un'altra auto e si dà alla fuga: beccata dalla polizia

Torna su
IlPescara è in caricamento