Vende online aspirapolveri inesistenti, nei guai per truffa un pescarese

Il metodo di pagamento a disposizione degli acquirenti era la ricarica su una carta prepagata

Ha pubblicato sui principali siti online di annunci un'inserzione esca per la vendita di aspirapolveri a prezzi concorrenziali.
Il metodo di pagamento a disposizione degli acquirenti era la ricarica su una carta prepagata.

Poi partivano le trattative portate avanti tramite e-mail e messaggi su whatsapp e quando sulla carta prepagata.

Ma una volta accreditata la somma richiesta il venditore, un uomo di Pescara di 48 anni, spariva e non seguiva la spedizione dell’aspirapolvere pagato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riferisce la Gazzetta di Reggio, il 48enne pescarese è stato però scoperto dai carabinieri della stazione di Reggio Emilia Santa Croce, i quali lo hanno denunciato per il reato di truffa dopo la denuncia presentata da un 34enne reggiano, caduto anche lui nella trappola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento