Tolti i sigilli allo stabilimento Oriente, soddisfatto Mascia

La magistratura ha dissequestrato quel che resta dello stabilimento Oriente, bruciato nel rogo avvenuto lo scorso 2 gennaio. Il sindaco Mascia ha espresso la propria soddisfazione

La magistratura di Pescara ha disposto il dissequestro dello stabilimento Oriente della riviera nord, andato a fuoco per cause dolose la sera del 2 gennaio.

Lo ha fatto sapere il sindaco Mascia, che si è detto soddisfatto per questa decisione ed ha ringraziato il questore Passamonti e la Squadra Mobile per la velocità nelle indagini che hanno permesso ai proprietari, Alfonso Terra e Daniela Marrone, di riavere a disposizione la propria attività in modo da avviare i lavori di ristrutturazione.

Mascia ha ricordato come la settimana scorsa abbia ricevuto in Comune i due titolari, ricordando come ben 12 famiglie vivano grazie a quella attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO | A "Live - Non è la D'Urso" il ristorante delle sexy maggiorate pescaresi

  • Il Titanic di piazza Salotto finisce su Rai 2 insieme all'Iceberg di Lanciano, piovono critiche a "Detto Fatto" [VIDEO]

  • Ritrovato morto l'uomo disperso sulla Majella, era un carabiniere [FOTO]

  • Una cupola in piazza Salotto: arriva il Dome theatre - Fantabosco per le festività natalizie - FOTO -

  • Ai domiciliari a Pescara, boss mafioso barese trasforma la sua abitazione in un covo criminale: arrestato - VIDEO -

  • Incidente sull'autostrada A14, tratto chiuso: 2 camion e 7 auto coinvolte

Torna su
IlPescara è in caricamento