Tolti i sigilli allo stabilimento Oriente, soddisfatto Mascia

La magistratura ha dissequestrato quel che resta dello stabilimento Oriente, bruciato nel rogo avvenuto lo scorso 2 gennaio. Il sindaco Mascia ha espresso la propria soddisfazione

La magistratura di Pescara ha disposto il dissequestro dello stabilimento Oriente della riviera nord, andato a fuoco per cause dolose la sera del 2 gennaio.

Lo ha fatto sapere il sindaco Mascia, che si è detto soddisfatto per questa decisione ed ha ringraziato il questore Passamonti e la Squadra Mobile per la velocità nelle indagini che hanno permesso ai proprietari, Alfonso Terra e Daniela Marrone, di riavere a disposizione la propria attività in modo da avviare i lavori di ristrutturazione.

Mascia ha ricordato come la settimana scorsa abbia ricevuto in Comune i due titolari, ricordando come ben 12 famiglie vivano grazie a quella attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo per l'Abruzzo e il Pescarese: le previsioni e il bollettino

  • Enrico Remigio di Scafa arriva a quota 300mila euro a "Chi vuol essere milionario", resta solo la domanda da un milione

  • Alla guida sotto effetto dell'alcol, fantasiosa giustificazione di un professionista pescarese: "Mi hanno messo pillola nel bicchiere"

  • Incidente ai Colli, perde il controllo dell'auto e si schianta contro fuoristrada facendolo ribaltare [FOTO]

  • Carica una prostituta e fa uno scontro frontale, lei finisce in ospedale

  • Virus cinese: le indicazioni del Ministero della Salute anti-coronavirus

Torna su
IlPescara è in caricamento