Scarichi abusivi, scontro fra Pescara Mi Piace e Del Vecchio

Scontro aperto fra il movimento Pescara Mi Piace e l'amministazione comunale in merito alla questione degli scarichi abusivi del fiume. Foschi e Fiorilli tornano a chiedere spiegazioni sulle due condotte scoperte sotto il ponte di ferro

Ancora gli scarichi abusivi nel fiume al centro delle polemiche fra maggioranza ed opposizione. Il Movimento Pescara Mi Piace torna a chiedere spiegazioni all'amministrazione comunale in merito alle condotte sospette scoperte da qualche giorno a seguito dei lavori per la realizzazione del Ponte Nuovo.
Condotte che riversano nel fiume una melma nera e maleodorante ad indicare che potrebbero trattarsi di scarichi abusivi.

"Torniamo a chiedere a chi appartengano quegli scarichi, cosa trasportino e, se siano o meno autorizzati. Se sono abusivi sfidiamo il sindaco a provvedere alla loro immediata chiusura, come del resto ordinato nei giorni scorsi dal Governatore D’Alfonso. Nel frattempo lunedì mattina provvederemo a inoltrare apposita segnalazione alla Direzione Marittima-Capitaneria di Porto, al Noe dei Carabinieri e al Corpo Forestale dello Stato, mentre al sindaco Alessandrini torniamo a chiedere l’immediata revoca della tassa sul turismo, che rappresenta la mazzata finale a una stagione balneare che partirà in modo disastroso, in piena emergenza inquinamento per il mare, con un porto inagibile per il traffico passeggeri e un aeroporto sul punto di chiudere” hanno dichiarato i due esponenti del movimento, aggiungendo che da 13 giorni non ci sono state risposte in merito da Alessandrini e dalla Giunta, nonostante le continue sollecitazioni.

"Chiediamo al Ministero per l’Ambiente di Commissariare la gestione dell’emergenza mare, affidando pieni poteri a un tecnico che in 6 mesi dovrà individuare le cause dell’emergenza e porre in essere le azioni risolutive, ricorrendo, se necessario, anche all’Autorità giudiziaria, e, nell’attesa, chiediamo la nomina di una Commissione d’indagine comunale che possa far luce su quanto accaduto al nostro mare dal 6 aprile 2015 a oggi." hanno concluso Foschi e Fiorilli.

Pronta la replica del vicesindaco Del Vecchio, che ha fatto sapere come la condotta più piccola di diametro provenga da Piazza Pierangeli e sia frutto della deviazione temporanea delle condotte fognarie principali a causa dei lavori del Ponte Nuovo, condotta che appena il cantiere sarà terminato sarà chiusa per tornare ad immettersi in quella principale.

"In merito alla seconda, uno scatolare in cemento armato, si tratta di una una condotta delle Ferrovie dello Stato realizzata presumibilmente con i lavori della stazione centrale di Pescara e destinata alla raccolta delle acque piovane. Una condotta di cui l'Amministrazione è a conoscenza da lungo tempo tanto da aver già attivato interlocuzioni e confronti sia con le fettovie che con ACA per farla convogliare al depuratore, così come peraltro è stato formalmente comunicato con più missive alla stessa ACA nel corso del 2015. Ci siamo fatti parte attiva anche con la dirigenza delle Ferrovie al fine di accelerare la procedura di raccolta anche di questo scatolare per eliminare qualsiasi possibilità di sbocco diretto nel fiume Pescara." ha dichiarato il vicesindaco, aggiungendo che l'amministrazione comunale ha avviato un'importante battaglia proprio per eliminare gli scarichi abusivi nel fiume sia nel nostro Comune che lungo l'intero corso dalla sorgente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Montesilvano, giovane donna stroncata da infarto a soli 34 anni

  • Come allontanare le cimici da casa ed evitare un’invasione

  • Funerali Astrid Petrella a Montesilvano, in centinaia per l'addio alla giovane donna e mamma

  • Incidente sull'asse attrezzato, carambola tra 3 veicoli: un ferito [FOTO]

  • Blitz delle forze dell'ordine in contrada Giardino a Montesilvano Colle [FOTO]

  • Uomo ritrovato morto in casa a Montesilvano

Torna su
IlPescara è in caricamento