Nasce "Rigopiano, in attesa del Fiore", il comitato per le vittime della valanga

A due mesi esatti dalla tragedia dell'Hotel Rigopiano i parenti delle 29 vittime hanno deciso di costituire un comitato con un blog ed una pagina Facebook per non dimenticare e per chiedere giustizia

Ricordare i propri parenti, le loro vite e le loro storie e soprattutto giustizia e verità. Sono questi gli obiettivi del comitato costituito dai parenti delle vittime di Rigopiano, a due mesi esatti dal disastro che ha sconvolto l'Italia con 29 vittime sepolte dalla neve e dalle macerie della valanga che si è abbattutta sull'Hotel e Centro Benessere.

UNA FIACCOLATA PER RIGOPIANO

Sabato c'è stata la prima riunione nel ristorante "Lu Strego" di Farindola ed è già nata la pagina facebook "Rigopiano, in attesa del Fiore" e presto sarà aperto il blog dove verranno raccontate le storie delle vittime e pubblicata la rassegna stampa sulla vicenda. Un modo per stare uniti nel dolore ma soprattutto per tenere alti i riflettori sulla tragedia e chiedere verità e giustizia. Per capire di chi sono le responsabilità e far sì che eventi del genere non accadano più. Il presidente del comitato è Gianluca Tanda, il vicepresidente Egidio Bonifazi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cinema

    'Humanism', anteprima italiana a Pescara il 30 maggio

  • Pescara calcio

    Pillon ancora a Pescara? "Ci terrei molto a continuare questa avventura"

  • Incidenti stradali

    Incidente a Lettomanoppello: gravi cinque ragazzi

  • Cronaca

    Parcheggi estivi sulla Strada Parco: Pescarabici dice no

I più letti della settimana

  • Morte Marina Angrilli, il racconto di un testimone: "Ecco cosa ho visto"

  • Incidente a Lettomanoppello: gravi cinque ragazzi

  • Pescara: donna precipita dal quarto piano in via Rio Sparto

  • Fausto Filippone, il mediatore: "15 mesi fa qualcosa l'aveva stravolto"

  • Il Da Vinci ricorda Marina Angrilli: "Vittima di insensata sete di potere e controllo"

  • Il fratello di Marina Angrilli: "La sua era una famiglia normalissima"

Torna su
IlPescara è in caricamento