Processo tragedia Rigopiano, la proprietà dell'hotel chiede 4 milioni e mezzo di euro di risarcimento

Come fa sapere l'AdnKronos, nel corso dell'udienza di ieri mattina (venerdì 29 novembre) nel tribunale di Pescara relativa al procedimento principale sulla tragedia di Rigopiano, la A-Real Estate proprietaria dell'hotel travolto si è costituita contro tutti gli imputati

La proprietà dell'hotel Rigopiano di Farindola, andato distrutto a causa della valanga che l'ha travolto quasi 3 anni fa, chiede un risarcimento di 4 milioni e mezzo di euro, con una provvisionale di 2,5 milioni.
Come fa sapere l'AdnKronos, nel corso dell'udienza di ieri mattina (venerdì 29 novembre) nel tribunale di Pescara relativa al procedimento principale sulla tragedia di Rigopiano, la A-Real Estate proprietaria dell'hotel travolto si è costituita contro tutti gli imputati.

Contestualmente i legali dei familiari delle vittime, gli avvocati Romolo e Massimo Reboa, Gabriele Germano, Silvia Rodaro, Roberta Verginelli e Maurizio Sangermano hanno richiesto il sequestro conservativo dei beni immobili di proprietà degli imputati, nei limiti in cui la legge ne consente il pignoramento.

«Oggi le parti civili hanno fatto comprendere agli imputati che non intendono accettare la logica delle lungaggini e dei rinvii. Ora le vittime si aspettano una rapida risposta dalla giustizia e non le parole non mantenute del ministro Bonafede di costituirsi nel processo per depistaggio», commenta l'avvocato Reboa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • La ristoratrice pescarese Marilena Di Stilio del locale "La Pecora Nera" si lancia nel mondo dei film per adulti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

  • Coronavirus in Abruzzo, il direttore Parruti: "Non andate in pronto soccorso"

Torna su
IlPescara è in caricamento