Ricette false per avere metadone: arrestato un pescarese

I Carabinieri dei NAS hanno arrestato un tossicodipendente di 33 anni di Pescara, con l'accusa di aver falsificato alcune ricette mediche per ottenere del metadone. L'uomo aveva rubato un timbro dell'ospedale ed alcune ricette che poi aveva inviato al Sert

I Carabinieri dei NAS hanno arrestato un pescarese di 33 anni, tossicodipendente, con l'accusa di furto aggravato e falsificazione di documenti sanitari.

L'uomo, infatti, ha rubato un timbro dall'Ospedale di Pescara ed alcune ricette, che poi ha falsificato per cercare di ottenere del metadone, il farmaco utilizzato durante le terapie per disintossicarsi dagli stupefacenti.

Ad avere il sospetto di una possibile frode, è stato il Sert, al quale sono arrivate le ricette consegnate dall'uomo.

In apparenza le ricette sembravano autentiche, ma il fatto di aver richiesto un'ingente quantità di metadone per un paziente non deambulante, ha fatto scattare i sospetti e le conseguenti indagini dei NAS.

In effetti, i militari hanno accertato che nessun medico aveva prescritto quelle dosi e che il timbro utilizzato era stato rubato in ospedale.

Da qui la perquisizione in casa dell'uomo, e la scoperta che aveva a disposizione altre 15 ricette. Per lui è scattato l'arresto e la custodia presso il carcere di San Donato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara, auto travolge famiglia di tre persone sul lungomare nord

  • Cade da un palazzo e finisce in ospedale con un politrauma

  • Sanità, al via le assunzioni nelle Asl abruzzesi: a Pescara 299 posti

  • Jova Beach Party a Montesilvano, arriva il contributo economico della Regione Abruzzo

  • Quattro ristoranti di Pescara e provincia nella Guida Slow Food 2020, ecco quali

  • Spoltore, insospettabile beccato a spacciare dalla polizia: arrestato - FOTO -

Torna su
IlPescara è in caricamento