Prostituzione, la Cassazione dice stop alle multe per gli automobilisti

Niente multe agli automobilisti che accostano in strada per le prostitute. Lo ha stabilito la Cassazione accogliendo il ricorso di un uomo di Montesilvano che era stato sanzionato e condannato anche dal Tribunale di Pescara

Niente multe per gli automobilisti che si fermano davanti ad una prostituta in strada. Lo ha stabilito la Cassazione, che di fatto ha accolto il ricorso di un uomo di Montesilvano che si era rivolto al Tribunale di Pescara dopo essere stato multato con sanzione pari a 500 euro.

Il Tribunale aveva confermato la multa, comminata grazie alla nota ordinanza che vieta di "fermarsi con autoveicolo in prossimita' di esercente il meretricio sulla via pubblica" in vigore sia a Montesilvano che Pescara.

Il provvedimento è stato adottato da entrambi i primi cittadini per scoraggiare il fenomeno della prostituzione stradale. La Cassazione ha inviato nuovamente gli atti al giudice di pace di Pescara, che dovra' riesaminare il caso sulla base dei principi dettati dalla Corte Costituzionale.

Ricordiamo che a Pescara è in vigore anche un'altra ordinanza che prevede addirittura il sequestro dell'auto del cliente.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • The net! Ma non ho capito bene, le signorine allegre dovrebbero navigare con i loro tablet sulla mascia-net tra un cliente e l'altro? Iniziativa lodevole, in effetti con questa crisi chissa' quanto si annoiavano!

  • Avatar anonimo di Francostars
    Francostars

    In effetti, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell'Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso.

  • Avatar anonimo di Libero
    Libero

    Ma certo annulliamo tutte le sentenze, come è solita a fare la cassazione dando sempre ragione a chi ha marcio...

    • Avatar anonimo di Alexweb
      Alexweb

      Ma certo annulliamo tutte le sentenze, come è solita a fare la cassazione dando sempre ragione a chi ha marcio... E chi ha marcio... ? La prostituzione è stata regolamentata in tutta Europa tranne che in questo paese ormai allo sfascio ! Riaprire le case chiuse, tassare le neretrici e proibire la prostituzione stradale, questa è l'unica strada utile e percorribile ! La Germania incassa 5 miliardi l'anno dalle tasse sulla prostituzione, sovrappunibile ad una manovra finanziaria di largo respiro ! Eh già: in Italietta abbiamoil Vaticano degli scandali e delle ruberie che decide !

      • quoto al 100%

      • Una volta tanto siamo d'accordo. Tutti gli altri tentativi di arginare il fenomeno si sono rivelati inutili. Non c'è da inventarsi nulla, ma andare a vedere cosa hanno fatto negli altri paesi e scegliere la formula migliore.

  • Rimane solo la rete di Mascia (bisogna brevettarla).

    • Come ti capisco...Essere costretti ad uscire la sera con le tronchesi e le cesoie.....prova ad usare un borsello più grande, magari non si notano.....

      • Le alternative sono infinite, gli unici a non saperlo siete tu e tuo cugino.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Pescara: piazza Vittoria Colonna diventerà piazza Enrico Berlinguer

  • Cronaca

    Infopoint turistico: la gestione affidata all'ADS Bike Life

  • WeekEnd

    Cantine Aperte, 'Di che gusto sei' e Pino Insegno: cosa fare questo weekend a Pescara

  • Cronaca

    Minacce e insulti alla ex, condannato per stalking un giovane pescarese 

I più letti della settimana

  • Blue Whale, terzo caso nel pescarese: vittima un 15enne

  • Allarme bomba sui binari tra Montesilvano e Silvi: bloccata la circolazione dei treni

  • Attentato a Sebastiani: beccato uno dei responsabili, è un ultras

  • Pescara: giovane omosessuale bacia il compagno e viene inseguito e minacciato

  • Sporcizia e lavoratori non in regola: chiuso bar vicino alla Stazione

  • Finisce in carcere per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

Torna su
IlPescara è in caricamento