Processo Bussi, la sentenza arriverà il 31 gennaio

Rinviato il processo in Corte d'Assise d'Appello all'Aquila. Sulla 'discarica dei veleni' sono previste l'11 gennaio 2017 le requisitorie dei due procuratori generali, Romolo Como e Domenico Castellani

E' stato rinviato all'11 gennaio 2017 il processo in Corte d'Assise d'Appello all'Aquila, che si è aperto ieri, relativo alla mega discarica dei veleni scoperta a Bussi sul Tirino. Il presidente del collegio giudicante, Luigi Catelli, d'intesa con le parti, ha fissato un fitto calendario di udienze a gennaio. L'11 sarà la volta delle requisitorie dei due procuratori generali Romolo Como e Domenico Castellani.

La sentenza è prevista il 31 gennaio. Ieri, dopo una breve camera di consiglio, il collegio giudicante della corte d'assise d'Appello, presieduto dal giudice Aldo Manfredi, ha respinto l'istanza di uno degli avvocati difensori, Tullio Padovani, che in avvio della prima udienza aveva chiesto la sospensione del processo in attesa che si esprima la Corte costituzionale - data prevista il 7 febbraio 2017 - sulla legittimità della cosiddetta 'legge Cirielli', che ha ampliato i termini di prescrizione del reato di disastro colposo da 7 anni e 6 mesi a 15 anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cinema

    'Humanism', anteprima italiana a Pescara il 30 maggio

  • Incidenti stradali

    Incidente a Lettomanoppello: gravi cinque ragazzi

  • Cronaca

    Parcheggi estivi sulla Strada Parco: Pescarabici dice no

  • Cronaca

    Pescarese di 108 anni ritrova un titolo di credito del 1948: adesso vale 32.500 euro

I più letti della settimana

  • Il mistero di Marina Angrilli, moglie di Filippone: incidente, omicidio o suicidio?

  • Morte Marina Angrilli, il racconto di un testimone: "Ecco cosa ho visto"

  • Incidente a Lettomanoppello: gravi cinque ragazzi

  • Pescara: donna precipita dal quarto piano in via Rio Sparto

  • Fausto Filippone, il mediatore: "15 mesi fa qualcosa l'aveva stravolto"

  • Il Da Vinci ricorda Marina Angrilli: "Vittima di insensata sete di potere e controllo"

Torna su
IlPescara è in caricamento