Pretende mille euro per della cocaina rubata: ai domiciliari un pregiudicato

L'uomo, per rimediare ad una bravata del figlio, è stato messo alle strette con mezzi intimatori da un pregiudicato di Città Sant'Angelo finito in manette

Un tentativo di estorsione è stato denunciato dal papà di un giovane dell'hinterland pescarese, costretto a rivolgersi ai Carabinieri di Montesilvano per una vicenda avvenuta il mese scorso ad Elice.

L'uomo, per rimediare a una bravata del figlio, è stato messo alle strette con mezzi intimidatori da Angelo De Santis, 50 anni originario di Città Sant'Angelo, che pretendeva la somma di mille euro come contropartita per alcune dosi di cocaina detenuta all'interno di un locale pubblico che è stata sottratta per essere fumata.

Il genitore, ignaro di tutto, non ha fatto altro che presentarsi in caserma e prendere le distanze dal suo ricattatore. Per l'accusato è stata disposta un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere morto suicida in ufficio, ecco chi era la vittima

  • Lite tra famiglie per il pranzo all'Ikea, ferita bambina di 11 anni: tra i contendenti un pescarese

  • Incidente mortale autostrada A14, tratto chiuso verso Pescara

  • Dramma a Pescara, carabiniere si suicida in ufficio - FOTO -

  • Carabiniere morto suicida in ufficio, c'è sgomento tra i colleghi del Noe [FOTO-VIDEO]

  • Morto Aldo Lavorato, storico titolare della pizzeria "Regina" di via Mazzini

Torna su
IlPescara è in caricamento